57 FURTI IN APPARTAMENTO: FERMATE 4 BANDE DI ALBANESI CHE AVEVANO BASE A PADERNO

, , (Nessun Commento)

Carabinieri_new1I carabinieri padernesi con l’ausilio dei colleghi di Abbiategrasso e Sesto San Giovanni e il coordinamento delle indagini della Procura di Monza hanno catturato 4 bande di albanesi specializzati in furto d’appartamento con base a Paderno Dugnano e 57 colpi tra Milano, Brescia, Monza Brianza, Como, Cremona.
Le 17 persone di origine albanese, pregiudicate e in Italia senza fissa dimora, sono ritenute responsabili a vario titolo non solo di furto in abitazione ma anche di tentato omicidio, ricettazione e detenzione illegale di armi e munizioni. Catturati in tempo dalle forze dell’ordine, stavano per lasciare l’Italia e tornare in Albania.

I furti avvenivano talvolta con la presenza dei proprietari degli immobili e uno dei gruppi avrebbe addirittura tentato di investire due carabinieri intenti a fermarli.

Il loro punto di ritrovo erano i parcheggi del Centro Commerciale Brianza di Paderno Dugnano. Per maggiori dettagli sull’operazione vi rinviamo all’articolo online de Il Notiziario.

Noi dal canto nostro non possiamo che fare un plauso ai nostri “angeli”, soprattutto per un’operazione che ci viene a conoscenza dopo l’uccisione a Roma del vicebrigadiere Mario Rega Cerciello. Anzi, il nostro pensiero va proprio alla famiglia di quest’ultimo e a tutti coloro che rischiano la loro vita per la nostra sicurezza. GRAZIE.

Continua a leggere →

LA BANDA GRAZIANO COLPISCE ANCORA

, , (Nessun Commento)

464130935_2945Domenica 21 luglio la squadra GRAZIANO Barbieri dal 1965 ha battuto la squadra Sport Centro Boys vincendo per il secondo anno consecutivo il Torneo Magie organizzato da SportCentro.

Alla 14° Edizione di questo ormai consueto torneo hanno partecipato 22 squadre e la squadra dei GRAZIANO ha battuto tutti i record, senza mai farsi battere:

Trofeo primi classificati
Trofeo capocannoniere (Maik Siviero)
Trofeo miglior difesa (Cassiba Andrea)
114 gol fatti
11 vittorie
2 pareggi

Allenata da Capobianco Massimo e dallo Special One Graziano Daniel è così composta:
1 Cassibba Andrea
4 Procopio Mattia
6 Pulusella Leonardo
7 Valerio Donadel
8 Ciapetti Lorenzo
9 Salama Cristian
10 Giovanelli Stefano
11 Siviero Maik
65 Achenza Michelangelo

Ora non resta che godersi le meritate vacanze, in attesa di prepararsi per il prossimo torneo!

Continua a leggere →

CONSIGLIO COMUNALE, STORIA DI UNA NON COLLABORAZIONE ANNUNCIATA

, , (Nessun Commento)

1255079642683_consiglio_comunaleConsiglio comunale lunghissimo quello che si è protratto per oltre due serate e ben 8 ore. Un’adunanza che già consente di rivelare le prime impressioni sulla neonata maggioranza. Le promesse all’indomani delle elezioni sulla condivisione e sulla disponibilità nei confronti dell’opposizione (del tipo “sarò il Sindaco di tutti”, “tuteleremo il ruolo dell’opposizione”) hanno già lasciato il campo alla classica arroganza da potere.

Eccone il principale esempio. Dopo l’elezione a Presidente di Simona Arosio (a cui ribadisco i miei migliori auguri), la maggioranza ha avuto l’indecenza di scegliersi anche il Vicepresidente del Consiglio Comunale, cosa mai successa nella storia del nostro Comune. Infatti, per Statuto una delle due figure spetta all’opposizione e da sempre l’astensione delle maggioranze succedutesi nel tempo ha consentito all’opposizione di scegliersi il proprio rappresentante. Al contrario, già in preda alla bulimia di potere, PD, Paderno Dugnano Futura e Lista Di Maio hanno pensato bene di decidere chi per loro fosse più conveniente avere come Vicepresidente, di fronte a due candidature della minoranza, il consigliere anziano Papaleo per la Lega e il consigliere Boffi per gli altri. Il risultato? Nonostante 6 su 9 dell’opposizione avessero votato Papaleo e 2 su 9 Boffi, i voti della maggioranza hanno consentito di incoronare il secondo. Questa sì che si chiama una scelta di rispetto per il ruolo dell’opposizione!

Per far capire l’orrore politico di questo voto basti ricordare l’ultimo quinquennio amministrativo, dove l’allora minoranza candidò Efrem Maestri per il PD e Achille Cezza per il M5S. Venne eletto il primo grazie all’astensione rispettosa della maggioranza. E allora il centrodestra non vinse le elezioni per 200 voti, ma questa è un’altra storia.

Devo far notare, tuttavia, che a questo scempio architettato dal duo Di Maio (vicesindaco) – Caputo (capogruppo PD), che sarebbe troppo lungo da raccontare in poche righe, non si sono prestati tutti i consiglieri della maggioranza, dal momento che il Sindaco, la neo Presidente Arosio e i consiglieri di Insieme per cambiare e Persone al centro (le persone che mi sembrano le più disponibili al dialogo) hanno deciso di astenersi e di questo dobbiamo darne atto come opposizione. Una spaccatura anche all’interno della maggioranza, dunque, a seguito dell’evidente spaccatura dell’opposizione.

Il consiglio è continuato con la bocciatura della mozione sul Bonus Libri (di cui già vi ho parlato) ed un bello schiaffo alle famiglie. Un tema così sentito dalla Giunta da far esclamare all’Assessore Caniato poco dopo, durante la presentazione della variazione di bilancio, che “abbiamo perso” tanto tempo per discuterne (il mio auspicio è che si trattasse di un errore nell’esprimersi).

Nota di colore, durante l’istituzione delle nuove commissioni consiliari, è la nuova denominazione della commissione legalità che ora si chiamerà “legalità e antimafia“. Una roba così demagogica da far tremare i polsi. Le competenze di questa commissione, infatti, non risiedono certamente nell’antimafia, ma in sicurezza, protezione civile e la polizia locale. Questo per far capire quanto si volesse strumentalizzare un tema così importante, mettendo una bandierina per illudere gli elettori. Pure la richiesta della Lega di aggiungere almeno la dizione “sicurezza“, in segno di considerazione verso un tema così importante per i cittadini, è stata platealmente bocciata.

Ultima chicca è la riduzione da 45 giorni a 10 del termine per fare emendamenti al DUP (il principale documento di governo dell’amministrazione) nel primo anno di mandato. Anche qui, l’emendamento della Lega per prolungare anche se di poco il termine è stato sonoramente bocciato. Quindi i consiglieri comunali si troveranno gli stessi 10 giorni per fare emendamenti a DUP e bilancio insieme.

Queste, insomma, le prime impressioni dal neonato Consiglio. L’auspicio, ovviamente, è che la maggioranza possa prendere in considerazione anche solo alcune delle proposte dell’opposizione, che per questi due primi Consigli ne ha visto la Lega come portavoce. Anche se purtroppo temo che il destino sia già scritto.

Continua a leggere →

BONUS LIBRI, CASATI E LA MAGGIORANZA BOCCIANO LA MOZIONE DELLA LEGA PER ELIMINARE L’ISEE. ORA IL BONUS SOLO A POCHI

, , (Nessun Commento)

libri-di-testo_risparmiare-2E alla fine la mozione non passò. Casati e la sua maggioranza di centrosinistra hanno bocciato la mozione presentata dal sottoscritto per conto della Lega e dal resto dell’opposizione che chiedeva l’annullamento dell’indicatore Isee come criterio di accesso al Bonus Libri per gli studenti delle scuole medie (inserito dalla Giunta Casati-Di Maio). E’ risultato palese, purtroppo, come le motivazioni della maggioranza fossero puramente ideologiche e non tenessero conto della realtà quotidiana vissuta dalle famiglie. I loro esponenti, infatti, hanno una chiara distinzione in testa, tra poveri e presunti ricchi, dimenticandosi che in mezzo c’è un’ampia fascia di famiglie da tutelare. Senza considerare che è tutto da dimostrare il fatto che una famiglia con 20.000 euro di Isee possa definirsi benestante.

Ma a prescindere dalla divisione novecentesca tra “poveri buoni” e “ricchi cattivi”, il risultato raggiunto è stato mettere le mani in tasca a quelle famiglie (che si fanno il “mazzo” dalla mattina alla sera per mantenere i propri figli) che non percepiranno più il bonus. Basti pensare che una famiglia con 2 figli prima poteva arrivare a 400 euro di rimborso dei testi di scuola, mentre una famiglia con 3 figli a 600 euro. Quello che questi signori hanno dimenticato è che un conto è il diritto allo studio – che è universale e deve essere garantito a tutti indipendentemente dal reddito – un altro è il diritto ad essere assistiti economicamente dallo Stato in caso di difficoltà. Non si possono confondere i due piani e riconoscere un servizio solo nel secondo caso, perchè significa “monetizzare” i diritti di ognuno e non tutelare tutti i cittadini.

La beffa è stata che la giunta e la maggioranza non hanno avuto il coraggio di assumersi le proprie responsabilità alludendo al fatto che i risparmi sarebbero andati a sopravvenute esigenze educative legate alla disabilità. Peccato per loro che i conti in ordine, lasciati dalla precedente Amministrazione di centrodestra, consentivano di fare l’una e l’altra cosa.

Le bugie hanno ahimè le gambe corte. Ma le famiglie hanno invece la memoria lunga.

Continua a leggere →

CONSIGLIO COMUNALE, CONVOCATA SEDUTA DOMANI MARTEDÌ 23/07: ELEZIONE PRESIDENTE E VICEPRESIDENTE E MOZIONE SUL BONUS SCUOLA

, , (Nessun Commento)

1255079642683_consiglio_comunaleSi terrà domani la seconda seduta del neoeletto Consiglio Comunale presso la sala consiliare, in seduta straordinaria di 1^ convocazione martedì 23 luglio alle ore 19.30 con eventuale prosecuzione degli argomenti rimasti da trattare nella prima seduta, nonché in seduta di 2^ convocazione qualora la prima vada deserta, mercoledì 24 luglio alle ore 19.30 (qui il resoconto della prima seduta di insediamento).

All’ordine del giorno sono iscritti punti molto importanti, come l’elezione del Presidente e del Vicepresidente e la mozione sul Bonus Libri, presentata dalla Lega con l’opposizione compatta, per chiedere l’eliminazione dell’indicatore Isee quale criterio di accesso (di cui già vi abbiamo parlato).

Ordine del giorno:

  1. Comunicazioni;
  2. Elezione del Presidente e del Vicepresidente del Consiglio Comunale;
  3. Mozione in merito ai nuovi criteri per l’accesso al “Bonus Libri” – Eliminazione Indicatore ISEE presentata dai gruppi consiliari Lega Paderno Dugnano, Paderno Dugnano Cresce, SI’ e Forza Italia;
  4. Approvazione verbale della seduta del 23 aprile 2019;
  5. Modifiche alla deliberazione del Consiglio Comunale n. 5 del 26.02.2019 avente per oggetto il costituendo Consorzio del Parco Locale d’Interesse sovracomunale Grugnotorto Villoresi e Brianza Centrale (in breve GruBria);
  6. Variazione di assestamento generale al Bilancio di Previsione 2019/2021. Variazione e aggiornamento del Documento Unico di Programmazione – Sezione Operativa;
  7. Approvazione Stato di attuazione programmi e salvaguardia equilibri di bilancio – esercizio 2019;
  8. Approvazione dello schema di convenzione per la gestione del servizio di Tesoreria per il periodo 2020-2023;
  9. Approvazione modifiche al Regolamento di contabilità;
  10. Istituzione Commissioni consiliari permanenti referenti (art. 9 statuto, art. 1 e 2 regola- mento Commissioni consiliari, art. 18, comma 4, regolamento Consiglio Comunale);
  11. Approvazione degli indirizzi per la nomina e la designazione dei rappresentanti del Comune presso enti, aziende ed istituzioni;
  12. Nomina della Commissione comunale per la formazione e l’aggiornamento degli Albi dei Giudici Popolari;
  13. Nomina dei rappresentanti del Consiglio Comunale quali componenti in seno alla Commissione consultiva di gestione Asili Nido e alla Commissione mensa.

Continua a leggere →

BONUS LIBRI, LA LEGA PRESENTA CON L’OPPOSIZIONE UNA MOZIONE PER ELIMINARE L’INDICATORE ISEE. DISCUSSIONE IL 23/07

, , (Nessun Commento)

libri-di-testo_risparmiare-2Ho presentato a nome della Lega una mozione per chiedere l’eliminazione dell’indicatore Isee come criterio per accedere al Bonus Libri. La discussione pubblica della mozione, che è stata condivisa e sottoscritta compattamente da tutta l’opposizione (Paderno Dugnano Cresce, Sì e Forza Italia), avverrà nel prossimo Consiglio Comunale di martedì 23 luglio dalle ore 19.30. La neo Giunta Casati-Di Maio, infatti, ha recentemente eliminato il bonus per i nuclei familiari con Isee superiore ai 20.000 euro, spazzando via un importante strumento di sostegno per le famiglie padernesi.

Il Bonus Libri è una misura elaborata dalla precedente Amministrazione di centrodestra e attiva da ormai due anni, che prevede il rimborso quasi integrale della spesa sostenuta dalle famiglie per i libri di testo degli studenti delle scuole secondarie di 1° grado (scuole medie). L’intento era quello di offrire un servizio di continuità rispetto all’analogo rimborso che lo Stato già garantisce a sostegno del diritto allo studio agli alunni delle scuole elementari indipendentemente dal reddito, ma che non viene al momento garantito per le scuole medie nonostante anch’esse rientrino nelle scuole dell’obbligo.

Con questa recente delibera di Giunta, Casati-Di Maio hanno deciso che potranno ottenere il Bonus solo le famiglie con un determinato indicatore Isee, togliendo a tutte le altre famiglie quella che era diventata ormai “una boccata di ossigeno” per i genitori, tra le tantissime spese da sostenere a scuola per i figli. Ciò che gli è sfuggito, purtroppo, è che il diritto allo studio è un diritto universale di tutti i ragazzi, indipendentemente dal reddito e che non esistono ragazzi di serie A o di serie B. A sostegno del reddito, tra l’altro, esistono già diverse altre misure nazionali e regionali, con funzione del tutto diversa da quella del Bonus Libri comunale e che ora lo rendono sostanzialmente inutile.

Purtroppo a pagare le conseguenze di questa scelta saranno proprio le famiglie che decidono di investire nel futuro con i propri figli. Ecco perchè la Lega e le altre forze di opposizione ritengono che il Consiglio Comunale debba stoppare questa decisione ed eliminare il criterio dell’Isee. Appuntamento alla sera di martedì 23 luglio per scoprire se i consiglieri appoggeranno questa mozione.

DOPO IL SALTO RIPORTIAMO IL TESTO DELLA MOZIONE

(continua…)

Continua a leggere →

BONUS LIBRI, LA GIUNTA CASATI TAGLIA IL RIMBORSO PER GLI STUDENTI DELLE SCUOLE MEDIE

, , (Nessun Commento)

libri-scolastici-libreriaLa Giunta Casati, con la prima delibera politica del proprio mandato, ha eliminato il “Bonus Libri” per le famiglie padernesi con ISEE superiore a 20.000 Euro. Il Bonus Libri, per chi non lo ricordasse, è una misura di sostegno, elaborata dalla precedente Amministrazione Comunale di centrodestra, che rimborsava quasi integralmente il costo dei libri scolastici per gli studenti delle scuole secondarie di 1° grado (scuole medie).

L’intento era quello di fornire una continuità al servizio già offerto dallo Stato – a prescindere dal reddito – agli alunni delle scuole primarie (elementari) e non garantito inspiegabilmente anche agli studenti delle altre scuole dell’obbligo. Dal 2017 lo strumento era stato fortemente apprezzato dalle famiglie padernesi in quanto volto a garantire il sacrosanto diritto allo studio di tutti i ragazzi, indipendentemente dal reddito. Un diritto uguale per tutti gli studenti.

Purtroppo con la delibera n. 104 dell’11 luglio 2019, la nuova Giunta ha deciso di subordinare l’accesso a questo servizio al possesso di un determinato livello ISEE (20.000 Euro), di fatto cancellandolo per tutte le altre famiglie (tra l’altro non così particolarmente benestanti). La Giunta si giustifica parlando di altri sopravvenuti e non precisati bisogni educativi, ai quali verrebbero destinati i risparmi derivanti da questo taglio.

Non dubito che esistano altri impellenti bisogni educativi, quali quelli relativi ai ragazzi disabili. Ma è indubbio che il Comune di Paderno Dugnano ha una capacità finanziaria in grado di sostenere sia l’uno che l’altro servizio. Lo testimoniano i conti in ordine lasciati dalla precedente Amministrazione e il sostanzioso avanzo lasciato in eredità alla nuova Giunta. Perchè allora giustificare in questo modo una misura che penalizza così fortemente le famiglie? Il timore è che si tratti di una misura sostanzialmente idelogica.

Oltretutto, in questo modo il bonus verrà equiparato nella sostanza ad una qualsiasi misura di sostegno al reddito (e non allo studio), al pari di altre misure già presenti quali la Dote Scuola della Regione, rendendo inutile la relativa funzione. E sicuramente avrà effetti anche per le librerie nelle quali i genitori decidevano di acquistare i testi e poi chiedere il rimborso.

Purtroppo a patire le conseguenze di questa scelta saranno le famiglie. Il rimborso garantito, infatti, ammontava alle cifre di seguito riportate:

• classi prime fino a € 210,00;
• classi seconde fino a € 160,00;
• classi terze fino a € 160,00.

Immaginate il sollievo che veniva garantito a famiglie con due o tre figli. Servizio che ora non verrà più prestato.

Continua a leggere →