L’IKEA ARRIVA A PADERNO DUGNANO!

, , 25 Commenti

{lang: 'it'}

ikea Alla fine il colosso svedese del mobilio, l’IKEA, ha gettato la maschera svelando i propri piani industriali per il futuro.
E ciò non fa altro che confermare le voci che giravano già da tempo in zona, ossia  la nascita di un grande megastore (sembra tra i più gradi in Italia) tra il confine di Cormano e Paderno Dugnano.

Pertanto, la nostra città si sta affermando come “polo commerciale” e si dovrà preparare, almeno psicologicamente, ad un incremento di traffico realmente importante. Dobbiamo riconoscere, difatti, che si andrà ad aggiungere un ritmo di veicoli da grande centro urbano (e ci chiediamo se la viabilità di Paderno potrà sostenerlo in toto), oltre che una quantità di smog che arriverà sempre più nelle nostre case e nei nostri già saturi polmoni.
Di certo il volto di Paderno sta cambiando, ma le conseguenze di questa massificazione commerciale si riperquotono ineluttabilmente sui piccoli commercianti e artigiani presenti sul territorio, che vedono il loro futuro aziendale sempre più nebuloso, considerando che nel giro di pochi km vi sono, oltre ad una miriade di supermarket grandi e piccoli, ben 2 Carreffour aperti oltre 12 ore al giorno (domeniche incluse), 1 Leroy Merlin (ex Castorama) e quindi diversi Brico-Store, Grancasa e così via discorrendo.

CONTINUA

Con questo sistema, c’è il serio rischio di salutare definitivamente le piccole imprese familiari, che di mestiere ne hanno fatto un’arte, perchè come si può competere con i prezzi “made in china”, in un mondo che della qualità non se ne fa più un granchè.
C’è da dire, però, che guardando l’altro lato della medaglia, in un momento così delicato sul fronte occupazionale, questo si potrebbe rivelare un vero “toccasana” per molti cittadini rimasti a casa e senza prospettive lavorative, visto che si promettono nuovi posti d’impiego all’interno di questo nuovo centro commerciale.

Insomma, non si può dire di no al progresso e certamente l’idea di avere un’Ikea dietro casa non è così terribile, anzi, tutto il contrario.
Ma se consideriamo solamente gli aspetti positivi andremmo a fare una mezza analisi e avremmo di fronte agli occhi una mezza verità.
L’impatto ambientale di un’opera del genere non sarà minimo per nulla e si dovranno trovare soluzioni per migliorare la circolazione del traffico, considerando che l’ingresso del nuovo Ikea padernese andrà a toccare con molta probabilità la Milano-Meda, notoriamente, una delle bestie nere per i pendolari dell’hinterland, a causa della notevole mole di traffico che ospita ogni giorno sulle sue corsie.

Possiamo solo sperare che ogni progetto a riguardo sia stato valutato con cura e dovizia di particolari, per non recare danno alla nostra città, più che vantaggi.

 

25 Risposte

  1. avatar alessandra

    01/13/2012, 10:55 am

    Buongiorno mi chiamo alessandra e scrivo da paderno. E’ quasi un anno che sono in cerca di un posto stabile ,perche fino ad oggi ho trovato solo occupazioni saltuarie. La notizia di questo n uovo ikea mi ha dato una bella botta di speranza,ma parlandone con una mia vicina mi e’stato detto che verra’ edificata sul territorio di cormano. Ora quello che mi e’ venuto spontaneo chiedermi: non e’ che i posti di lavoro verranno accaparrati da cormano,invece l’unica cosa che si becchera paderno sar’ il traffico? Grazie per lo spazio e complimenti per il lavoro

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: +5 (from 5 votes)
  2. avatar pierino favrin

    01/13/2012, 12:38 pm

    Beh,se invece di un centro commerciale L’IKEA impiantasse una fabbrica di mobili,sarebbe meglio.Ci sarebbe vera occupazione ,traffico normale,indotto;con il rilancio di tante imprese artigiane etc.Insomma creazione di vera ricchezza.
    Sognare ad occhi aperti ogni tanto fa bene.
    pierino favrin

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: +7 (from 9 votes)
  3. avatar olga

    01/13/2012, 12:39 pm

    Buongiorno
    io trovo che sia un’ottima notizia
    primo per i posti di lavoro che porterà
    secondo perchè comunque ikea vende mobili ed accessori per arredamento, quindi se è tristemente vero che le piccole imprese familiari subiranno un’ulteriore batosta …è anche vero che in questo settore nei dintorni ce ne sono meno (sarebbe stato più pericoloso un altro supermercato)e poi ikea si distingue un po’ da ciò che è l’arredamento tradizionale.
    terzo ed importantissimo …se paderno al confine con cormano significa area ex tonolli …tiriamo un bel sospiro in merito alla spada di damocle dell’inceneritore
    infine …visto che la fermata affori non è poi così distante ..chissà mai che pensino di prolungare la metropolitana …cosa che tra l’altro decongestionerebbe il traffico

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: +6 (from 8 votes)
  4. avatar Luigi

    01/13/2012, 03:04 pm

    L’arrivo di Ikea è assolutamente una notizia positiva!!
    - Si otterrà finalmente la bonifica di un’area commerciale ormai abbandonata, quella della ex Safi;
    - si allontana lo spauracchio inceneritore … mai più lo posizioneranno vicino ad un grande polo commerciale che attira molto pubblico;
    - si creeranno molti nuovi posti di lavoro … considerata la crisi è solo manna dal cielo;
    - la abitazioni di Cormano e Paderno acquisiranno “valore” proprio per la vicinanza ad una serie di servizi ed infrastrutture, quali anche l’Ikea;
    - penso proprio che il Comune di Cormano non si sia fatta sfuggire la possibilità che Ikea, avendo grandi possibilità economiche, intervenga per sanare / costruire una nuova e più efficiente viabilità;
    - se poi Ikea diventasse la “scusa” per far arrivare anche la metropolitana … tombola!!!
    Forza Ikea, ti stiamo aspettando!!!

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: +5 (from 7 votes)
  5. avatar Gianni Rubagotti

    01/13/2012, 05:29 pm

    IKEA viene a vendere un tipo di mobili a basso prezzo: in teoria non dovrebbe togliere molto lavoro ad altri arredatori di fascia più alta.
    In pratica le famiglie in difficoltà si sposteranno su IKEA.

    Il punto è che sappiamo già che tipo di occupazione verrà offerta:
    - posto solo per giovani commessi ma soprattutto commesse con contratti precari di salario molto basso
    - qualche lavoratore preso da cooperative o in outsourcing

    Dopodiché vedo che in città non c’è un dibattito serio sull’orario dei negozi dopo la liberalizzazione: in esercizi commerciali di questa dimensione potrebbe creare qualche posto part time per coprire orari poco frequentati, magari quello notturno nel weekend.
    Posti che non mantengono ma che possono aiutare qualche studente ad avere qualche soldo in tasca.

    Per il resto non sono esercizi commerciali low cost come la IKEA che possono offrire posti di lavoro interessanti in città…come non lo sono i call center ma lo possono fare solo aziende ad alta innovazione e tecnologia.

    Magari qualche installatore di pannelli solari (quanti padernesi hanno i pannelli sul loro tetto? Quanti ce ne sono sui tetti degli edifici comunali?) o software house basata basata su Linux…ma non solo.

    Cosa si è fatto in questi anni per attirare iniziative imprenditoriali di alto valore?
    Ci sono progetti in questo senso magari finanziati con fondi europei?
    Cosa ne pensa l’attuale giunta di un mercato del lavoro dove a un’azienda costa meno un lavoratore precario piuttosto che uno a tempo indeterminato?

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 6 votes)
  6. avatar Lorenzo Locatelli

    01/13/2012, 07:07 pm

    IKEA viene a vendere un tipo di mobili a basso prezzo: in teoria non dovrebbe togliere molto lavoro ad altri arredatori di fascia più alta.
    In pratica le famiglie in difficoltà si sposteranno su IKEA

    In pratica metterà in seri problemi Grancasa e chi come loro ha anche reparti inerenti l’arredamento.
    Se ci fosse stato ancora Emmelunga, avrebbe di certo chiuso i battenti nel giro di poco tempo…e di certo quando hanno pensato a questo progetto, Emmelunga ancora non era fallita.

    Magari qualche installatore di pannelli solari (quanti padernesi hanno i pannelli sul loro tetto? Quanti ce ne sono sui tetti degli edifici comunali?) o software house basata basata su Linux…ma non solo

    Software House a Paderno sarebbe anche il mio sogno, ma restiamo coi piedi per terra…anche perchè in Italia questo è un mercato che paga decisamente poco…e pure male…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  7. avatar Davde

    01/13/2012, 07:44 pm

    1. non e’ nell’area ex Tonolli, e’ alle spalle del cinema Giraffe su area di Cormano, quindi entrate tributarie per Cormano e casino/inquinamento al Villaggio Ambrosiano, “non nelle vie di Ospitaletto·.

    prima di esultare guardate il progetto, ci trattano come una discarica, IKEA-Rho Monza, Inceneritore, la fabbrica per la lavorazione dlle ceneri provveniente dagli inceneritori ecc.
    Cerchiamo di fare una valutazione globale, tanto l’IKEA a Paderno porta solo disagio.

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: -2 (from 8 votes)
  8. avatar Gianni Rubagotti

    01/14/2012, 12:42 am

    il mercato delle software house paga poco? Dipende per questo e altri mercati da cosa si fa

    Interessante articolo su una software house italiana che invece di delocalizzare i programmatori ha delocalizzato la testa: il titolare è andato negli USA a trovare finanziamenti…e li ha avuti perché i programmatori italiani (quelli di funambol sono nel pavese) costano molto di più di altri ma restano fedeli all’azienda per cui lavorano (proprio per il difficile mercato del lavoro che hanno qui) e quindi il rischio che portino il loro know how alla concorrenza è molto più basso.

    L’intervista al giovane laureato alla Statale di Milano che ha creato un software per mandare sms gratis
    “Skebby conta 130.000 utenti, e questo numero è in crescita.”

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: -3 (from 3 votes)
  9. avatar Lorenzo Locatelli

    01/14/2012, 10:17 am

    Rubagotti, non faccia sempre di tutta l’erba un fascio…se devo prendere ad esempio Jobs o Gates, non ce la caviamo più…

    Guardi che i miei amici che lavorano in software house italiane (laureati in sicurezza delle reti o ingegneria) percepiscono il medesimo stipendio di un impiegato qualsiasi, al contrario dei colleghi oltre oceano, meglio pagati e certamente più motivati anche dal mercato in costante espansione (P.s. e non hanno contratti progetto come in Italia).
    Non andiamo OT comuqnue, come al solito…

    L’Ikea promette posti di lavoro per tutti, dal magazziniere all’impiegato, per le quali non serve avere conoscenze “specifiche” (come invece lo richiede la programmazione software).

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 2 votes)
  10. avatar jhonny

    01/15/2012, 01:44 am

    Quindi la nuova Rho-Monza non porterà tutto quel male che quelli dell’interramento avevano pronosticato

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 3 votes)
  11. avatar Gianni Rubagotti

    01/15/2012, 02:45 pm

    risposta sintomatica quella di Jhonny: ho seguito un po’ chi vuole l’interramento e non mi pare che il comitato sia stato contro la strada in sé ma contro l’impatto ambientale (= sulla salute dei cittadini) che avrebbe.
    Certo che le infrastrutture che permettono alle persone di muoversi sono utili, poi c’è una cosa chiamata “calcolo costi-benefici” quando si sceglie QUALI infrastrutture scegliere.
    Se facciamo una strada di 20 corsie per parte da Milano a Bergamo sicuramente le attività commerciali ne terranno conto.

    Ma poi possiamo buttare nello sciacquone tutti i discorsi del passare dal trasporto su gomma ad altri meno inquinanti (e sulla tutela della salute di chi magari trova il posto all’IKEA ma poi muore di tumore ai polmoni).

    Invito cmq il buon Jhonny a vedere com’è stata utile (in assenza di una programmazione seria dove inquadrarla) la quarta corsia della Milano Bergamo…provi la mattina a mettersi in coda fin da Dalmine e poi ne parliamo. Forse sarebbe costato meno fare subito il collegamento del passante con Treviglio e magari far partire lì un car sharing come fatto di recente col collegamento del passante con Pavia. Ma si sa, queste probabilmente sono solo polemiche sterili di qualcuno che nasconde bocche inquinanti nei progetti…gente tanto pericolosa da convincere già anni fa le principali città europee occidentali ad andare in questa direzione….

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: -3 (from 3 votes)
  12. avatar Tiziana Massaria

    01/15/2012, 03:20 pm

    Sono contenta che in zona arrivi un colosso come ikea! Si spera che dia posti di lavoro a persone che ad oggi non hanno un occupazione! Purtroppo io come tante altre persone sono rimasta a casa a causa della crisi! Io lavoravo per una multinazionale di 3000 persone che ha chiuso! La mia domanda a chi mi può rispondere è: come posso fare per fare già ora una domanda di assunzione per questa nuova apertura? Qualche voce dice presso i comuni di Paderno e Cormano. Attendo news! Grazie e speriamo in nuovi sviluppi positivi

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
  13. avatar Gianni Rubagotti

    01/16/2012, 09:43 am

    Contatta Ikea direttamente no? Credo che tramite sito o andando in uno dei suoi centri ci sia modo di arrivare a chi fa le selezioni.

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
  14. avatar Elena

    01/16/2012, 01:06 pm

    Ma sono già cominciati i lavori? Si sa quando dovrebbe aprire?

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: -1 (from 1 vote)
  15. avatar Francesco Rienzo

    01/16/2012, 03:06 pm

    La nuova Ikea è ad oggi solo un progetto che è stato presentato dalla società al Comune di Cormano. E’ ancora solo una proposta: è opportuno, infatti, che vengano esaminate tutte le cicostanze di una struttura che, bene o male, coinvolgerebbe un’area estesa, Paderno in primis.

    Per tutti i dettagli su questa proposta, potete leggere qui http://www.paderno7onair.it/wordpress/likea-a-cormano-milano-meda-e-rho-monza-attirano-linvestimento-svedese-con-la-promessa-di-nuova-occupazione-ma-paderno.html

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  16. avatar Gabriele

    01/16/2012, 07:01 pm

    Ma sapete percaso all’attenzione di chi posso spedire il mio CV. Grazie.

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  17. avatar Lorenzo Locatelli

    01/16/2012, 08:48 pm

    Sul sito dell’Ikea dovrebbero esserci tutte le indicazioni più opportune, presumibilmente.
    Comunque, ci stiamo interessando direttamente per fornirvi delle risposte precise in merito.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
  18. avatar nuccia

    02/25/2012, 04:07 pm

    Abito a Paderno Dugnano e sono veramente felice di questa nuova apertura di IKEA. Da quando avevano chiuso a Cinisello Balsamo ho sempre sperato in una nuova apertura come questa. Ci saranno tante opportunità di lavoro e spero ce ne sia una anche per me. Vorrei essere informata via mail della prassi da seguire per candidarsi.
    Grazie e complimenti.
    Nuccia

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  19. avatar Francesco Rienzo

    02/26/2012, 04:31 pm

    Mi spiace nuccia ma l’Ikea rappresenta ad oggi solo un progetto presentato dall’azienda al Comune di Cormano. E’ difficile che venga approvato così com’è, soprattutto dopo le perplessità espresse dai Sindaci di Paderno e Cormano nel merito del progetto.
    Colgo l’occasione per rivolgermi a tutti gli altri interessati: abbiamo ricevuto decine e decine di CV, ma purtroppo noi non possiamo fare nulla a tal proposito…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  20. avatar paolo

    01/21/2014, 05:20 pm

    BELLA NOTIZIA
    ERA PROPRIO QUELLO CHE ASPETTAVAMO
    LAVORO PER POCHI
    E CHIUSURE PER MOLTI PICCOLI ARTIGIANI
    CHE DA ORMAI QUATTRO ANNI SI ARRAMPICANO SUI VETRI
    GRAZIE!!!!
    ORA SAPRO’ COSA FARE ALLA NASCITA DI IKEA

    IL MENDICANTE !

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 3 votes)
  21. avatar Ivan Paderno

    01/22/2014, 12:46 am

    Notizia di gennaio 2012. Ora 2014 tutto a monte.

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 3 votes)
  22. avatar benedetto1981

    01/22/2014, 04:51 pm

    Ma la fonte di tale notizia?

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)

Lascia un Commento

(*) Obbligatorio, il tuo indirizzo Email non viene mostrato

Immagine CAPTCHA
*