CARREFOUR PADERNO, ECCO LA PROPOSTA PRELIMINARE DI AMPLIAMENTO DEL CENTRO COMMERCIALE

, , Lascia un commento

Carrefour Planet, il primo in Italia a Paderno Dugnano (www.paderno7onair.it)

Se all’infuori del nostro Comune andassimo a chiedere per cosa sia conosciuta Paderno Dugnano all’interno dell’hinterland milanese, sicuramente molti risponderebbero il Carrefour, o per alcuni il vecchio Euromercato, come si chiamava alle origini. Non a caso, si tratta di uno dei primi centri commerciali a grande distribuzioni realizzati in Italia.
Origini che risalgono a più di quarant’anni fa, quando il Consiglio Comunale approvò nell’Estate del 1973 il Piano di Lottizzazione Convenzionata per la realizzazione di quello che ancora oggi è denominato Centro Commerciale Brianza, che ospitava al suo interno l’ipermercato, inaugurato nel 1975, della Standa, che negli anni successivi assunse il nome di Euromercato a seguito di una joint venture con il gruppo Carrefour.

La Convenzione (di durata decennale) prevedeva l’impegno da parte di Standa a realizzare parcheggi ad uso pubblico e l’obbligo a cederne gratuitamente la proprietà al Comune, dietro sua richiesta quando se ne ravvisasse l’opportunità per l’esistenza di necessità di interesse collettivo. Da parte del Comune non è mai pervenuta nessuna richiesta di cessione, pertanto il parcheggio è rimasto di proprietà della Società titolare del complesso commerciale, asservito di fatto anche se non di diritto, all’uso di parcheggio aperto al pubblico.

Nel corso degli anni la struttura è stata oggetto di numerosi ampliamenti e la più rilevante negli anni Novanta, quando venne realizzata la galleria commerciale su più livelli.
Negli anni Duemila invece, venne approvato un Piano di Recupero realizzato parzialmente, in quanto l’ampliamento delle superfici commerciali attraverso l’inglobamento della galleria non si effettuò, mentre si realizzò il parcheggio multipiano.

Nel corso dei decenni L’Euromercato, oggi Carrefour Planet, ha visto crescere e consolidare il suo tasso di fidelizzazione, tant’è che molte persone ancor oggi vi si recano pur provenendo da Milano. Considerando però, i cambiamenti legati al mercato della grande distribuzione, insieme alla costruzione di centri commerciali di vaste dimensioni e di conseguenza la loro concorrenza, i vertici di Carrefour Property Srl hanno optato a rinnovare e potenziare il centro commerciale padernese, in virtù della sua storia e della sua clientela.
Il colosso francese ha presentato durante la Commissione Territorio del 22 Settembre una proposta di progetto preliminare per l’ampliamento del Centro Commerciale Brianza, sotto forma di Programma Integrato d’Intervento, quindi in Variante al PGT vigente.

La proposta di Carrefour Property Srl è stata pubblicata sul sito comunale per volontà del Sindaco, nonostante non ci fosse fosse obbligo di legge in quanto non si tratta ancora di un progetto definitivo (ecco il link per accedervi). E’ giusto evidenziare che questa al momento è e rimane una proposta preliminare dell’azienda, sulla quale bisognerà vedere gli intendimenti delle forze politiche del Consiglio Comunale (chiamate ad avallare o meno il progetto oppure, eventualmente, a chiederne modifiche).

Il piano prevede l’estensione della galleria esistente con nuove unità commerciali a copertura di tutte le tipologie commerciali: esercizi di vicinato, esercizi di somministrazione, medie superfici di vendita per tutte le taglie dimensionali; il tutto integrato anche con un’area loisir comprendente un cinema multisala ed un’area food court con ristoranti caffetterie e altri esercizi di somministrazione.
Dove verrà realizzata tale espansione della galleria commerciale? Intorno all’attuale area a parcheggio, in particolare sul lato Est.
Si precisa che la parte relativa all’attuale ipermercato Carrefour Planet (vendita alimentare) non verrà ampliata.

Per consentire una connessione più efficace e una maggiore accessibilità al centro commerciale, il Programma Integrato d’Intervento propone le seguenti azioni:
- Prolungamento della galleria commerciale esistente su due piani a partire dalla sua estremità meridionale, piegando verso Ovest a confine con il parcheggio multipiano. L’ingresso della galleria e di tutto il centro commerciale verrà così portato nel centro dell’attuale area a parcheggio, con un conseguente miglioramento della visibilità dell’intero centro dall’infrastruttura viaria. Tale estensione verrà realizzata sulla porzione meridionale del parcheggio compresa tra l’attuale fabbricato e l’attuale rotonda d’ingresso di Via Amendola che non subirà alcuna modifica;
- Realizzazione di un parcheggio interrato, che occuperà la superficie intera dell’ampliamento previsto, compensando la riduzione degli stalli sul parcheggio a raso;
- Realizzazione di un nuovo parcheggio in elevazione in prossimità dell’attuale parcheggio multipiano.

Carrefour Property Srl ha recentemente acquisito e ceduto al Comune di Paderno Dugnano un’area destinata a verde che sarà il punto di partenza di un “varco ecologico” che scavalchi la Superstrada Milano-Meda per giungere al Parco Toti. Tale varco, di larghezza ben superiore all’attuale passerella in corrispondenza dell’ingresso del parco della cava, si presenta come un vero e proprio prolungamento dell’area a verde in quanto la struttura viene finita con una copertura a verde in piena terra all’interno della quale si sviluppano diversi percorsi ciclopedonali.
Relativamente all’area ceduta al Comune, la sua trasformazione in una zona di verde attrezzato di particolare pregio di una area che attualmente è già urbanizzata, anzi impiegata per usi di basso pregio ed anche con impatto ambientale negativo (deposito di materiali a cielo aperto). In sintesi assisteremo a un ampliamento del Parco Cava Nord con un nuovo ingresso.

Altri interventi sulle aree pubbliche verranno completati con opere d’arredo sulle aree ad Ovest della superstrada, con l’estensione del del Parco Toti, comprendendo i nuovi spazi che accedono al “varco ecologico”. Si prevede poi di realizzare dei parcheggi d’accesso alla passerella prevista ampliando sia quelli esistenti in Via San Michele del Carso che ristrutturando la sezione stradale della stessa.

Infine le attuali attività di manutenzione degli autoveicoli che occupano le aree dove verrà realizzato il “varco ecologico”, verranno trasferite in nuovi fabbricati realizzati nell’area attualmente libera a sud della stazione di servizio. Questa soluzione consente di comprendere in un’unica area tutti i servizi alla mobilità veicolare, rendendo questa zona più autonoma dal centro commerciale.

Questo è in grandi linee il progetto che è stato proposto al Comune, il cui costo totale ammonta a circa 84 milioni di euro. Secondo la proposta preliminare, gli introiti monetari a favori del Comune dovrebbero essere di circa 5,8 milioni di euro.
Ora tutto l’iter sta alla politica e non mancheremo di tenervi aggiornati sulla vicenda, dandovi anche maggiori dettagli nel merito del progetto.

 

Lascia un Commento

(*) Obbligatorio, il tuo indirizzo Email non viene mostrato

Immagine CAPTCHA
*