“CONSIGLI LEGALI”, LA GUIDA IN STATO DI EBBREZZA

, , Lascia un commento

ebbrezzaCari lettori, come da titolo, tratterò questa volta un argomento spinoso, quanto frequente. Oggi, con la guida in stato di ebbrezza non si scherza più: le ultime riforme legislative che hanno toccato la materia hanno inasprito le pene, motivate dalle purtroppo frequenti morti causate da pirati della strada che sono risultati positivi all’alcool test.

Il Codice della Strada disciplina la guida sotto l’influenza dell’alcool agli articoli 186 e seguenti, affermando, innanzitutto, che è vietata la guida in stato di ebbrezza e prevede diverse sanzioni, a seconda della gravità del tasso alcolico riscontrato nell’automobilista.

  1. Qualora venga accertato un tasso alcolemico compreso tra 0,5 e 0,8 grammi al litro, verrà comminata la sanzione amministrativa per un valore che può variare da euro 527 ed Euro 2.180;
  2.  Se il tasso di alcool riscontrato va da 0,9 e 1,5 grammi al litro il trasgressore sarà punito con l’ammenda da Euro 800 a Euro 3.200 e l’arresto fino a sei mesi e verrà sospesa la patente da 6 mesi a 1 anno;
  3. Se il valore riscontrato dall’alcoltest è superiore a 1,5 grammi al litro, l’ammenda sarà compresa tra Euro 1.500 e 6.000 ed è previsto l’arresto da 6 mesi a un anno, anche qui verrà comminata sempre la  sanzione accessoria della sospensione della patente da 1 a 2 anni. Attenzione: in questa ipotesi di reato è sempre prevista la confisca del veicolo, salvo che lo stesso sia di proprietà di persona diversa dal reo.

Ricordate che vige il divieto assoluto di guida dopo aver assunto sostanze alcoliche per i conducenti che non abbiano compiuto i 21 anni o abbiano conseguito la patente di guida da meno di 3 anni, per chi trasporta persone o cose e per chi guida veicoli di massa superiore a 3,5 tonnellate o che siano adibiti al trasporto di più di 8 persone. Se venite fermati da organi della Polizia stradale, potreste essere sottoposti alla verifica tramite etilometro e l’accertamento verrà effettuato con due verifiche successive. Qualora il tasso riscontrato nel vostro sangue corrispondesse a uno di quelli compresi nella norma su esposta, per integrare gli estremi del reato penale, quindi non prendetela alla leggera. Già al momento dell’accertamento, potrete chiedere di farvi assistere dal vostro Avvocato. Ovviamente, potrete far ricorso tramite il vostro legala di fiducia sia in sede civile contro l’ordinanza con cui il prefetto vi notificherà il periodo di sospensione della patente, che in sede penale al decreto di condanna che vi verrà consegnato dall’ufficiale giudiziario.

In tutte le ipotesi di reato di guida in stato di ebbrezza alcolica, a esclusione di quelle in cui vi sia stato un incidente stradale, in caso di condanna nel giudizio penale è prevista la possibilità per l’imputato di chiedere la sostituzione delle pene con la prestazione dei cosiddetti lavori socialmente utili, ovvero di un’attività non retribuita a favore della collettività da svolgere, in via prioritaria, nel campo della sicurezza e dell’educazione stradale presso lo Stato, le regioni, le province, i comuni o presso enti o organizzazioni di assistenza sociale e di volontariato, o presso i centri specializzati di lotta alle dipendenze. Con lo svolgimento positivo del lavoro di pubblica utilità il reato viene dichiarato estinto, il periodo di sospensione della patente è ridotto alla metà ed è revocata la confisca del veicolo.

Personalmente ho sempre incitato tutte le persone che conosco a non mettersi alla guida dopo aver bevuto, anche se ci si sente in grado di farlo perché, in realtà, i riflessi vengono comunque alterati e la vita è un dono troppo prezioso per metterla a rischio per un drink in più da bere con gli amici. Oggi, da Avvocato, posso dirvi anche che la leggerezza di bere un bicchiere in più può costarvi molto cara, sia per i guai con la giustizia, che per i costi elevati che vostra difesa comporterà. Ne vale la pena? Pensateci bene prima di mettervi alla guida e, del resto, se la compagnia è piacevole, state trascorrendo una bella serata… Che bisogno c’è di bere?

 

Lascia un Commento

(*) Obbligatorio, il tuo indirizzo Email non viene mostrato

Immagine CAPTCHA
*