CRONACA, UN’AUTO CADE DAL PONTE DI VIA CESARE BATTISTI. ANCORA MALTRATTAMENTI SUGLI ANIMALI: RITROVATO UN SETTER ANNEGATO NEL VILLORESI

, , Lascia un commento

incidenteApriamo questo articolo dedicato alla cronaca padernese con una notizia raccapricciante, come le immagini che sono state diffuse su Internet e che abbiamo deciso di non mostrare: un cane di razza setter di pochi mesi è stato fatto annegare nel Canale Villoresi. Ritrovata a Palazzolo Milanese in prossimità del ponte in Via San Martino, alla cagnetta era stata legata al collo una pietra che le ha impedito di tornare a galla. Non è ancora chiaro se il cane sia dotato di microchip, nel qual caso tornerà utile per l’individuazione dei proprietari e probabili uccisori.

Una brutalità che purtroppo va solo ad allungare la lista dei maltrattamenti nei confronti degli animali, soprattutto in periodo “caldo” per quanto riguarda abbandoni e propositi di allontanamento.

Di natura diversa, invece, l’incidente accaduto ieri pomeriggio in Via Cesare Battisti: un’auto è uscita di strada mentre transitava sul ponte ferroviario. Chiarita proprio in queste ore la dinamica dell’incidente, secondo cui il guidatore della vettura sarebbe stato colpito da un colpo di sonno che gli è costato un volo di otto metri giù dal ponte: le protezioni laterali erano state divelte proprio pochi giorni fa, l’automobile si sarebbe scontrata contro il parapetto restante e sarebbe caduta schiantandosi contro gli alberi dell’area cani di Via Fosse Ardeatine. Fortunatamente per il conducente non ci sono state conseguenze gravi, rimasto pressoché illeso e risultato negativo ai consueti test per verificare l’uso di alcohol e stupefacenti.

È stato assicurato alla giustizia, invece, un padernese di 56 anni che aveva molestato la ex-moglie: già denunciato per stalking e con un’ordinanza restrittiva, l’uomo l’aveva comunque pedinata e picchiata mentre si trovava in un bar di Via Erba, tentando anche di rubarle la borsetta. Preso dai Carabinieri della Compagnia di Desio, dovrà rispondere per atti persecutori, tentata rapina e lesioni personali.

 

Lascia un Commento

(*) Obbligatorio, il tuo indirizzo Email non viene mostrato

Immagine CAPTCHA
*