EQUITALIA VIA DAI COMUNI? PADERNO DUGNANO LO HA GIÀ FATTO DALLO SCORSO ANNO. L’OPPORTUNISMO DI CHI LEGGE LE NORME NEL MOMENTO DEL BISOGNO

, , 5 Commenti

E’ di questi giorni la proposta di alcune parti politiche di estromettere Equitalia dalla riscossione dei tributi nei singoli Comuni. I Sindaci, infatti, hanno la possibilità di esonerare la tanto odiata società pubblica affidando la riscossione ad una società privata, selezionata tramite un regolare bando.

Ma nonostante la norma non sia nuova, diversi Sindaci si apprestano solo in queste ore ad intraprendere tale soluzione, rescindendo i contratti già posti in essere con Equitalia. E sol perchè spinti dalle pressioni dei cittadini sempre più risentiti verso alcuni comportamenti della società pubblica.

Apprendiamo, invece, che Paderno Dugnano ha già provveduto in tempi non sospetti all’estromissione di Equitalia. Il nostro Comune, infatti, ha deciso proprio dallo scorso anno di affidare la riscossione ad una società privata.

In questi giorni assistiamo ad una levata di scudi contro Equitalia con conseguente rescissione dei contratti in essere da parte di molti Sindaci e Amministrazioni Comunali – sono le dichiarazioni del Sindaco Marco AlparoneSono critiche assolutamente condivisibili e non a caso a Paderno Dugnano già l’anno scorso avevamo deciso di cambiare rotta, affidando ad una società diversa da Equitalia il servizio di riscossione“.

CONTINUA DOPO IL SALTO

I disagi che vengono lamentati oggi erano noti da anni, noi li avevamo percepiti ed abbiamo lavorato per trovare nuove soluzioni muovendoci in anticipo ma soprattutto a vantaggio dei nostri cittadini“.

Dunque, una scelta che il nostro Comune, più che comprensibilmente, aveva già da tempo attuato. Desideriamo sottolineare questo aspetto non a caso.

E’ assai strano, infatti, ascoltare in queste ore le voci di alcune Amministrazioni comunali che, pur avendo affidato l’incarico ad Equitalia, ora pensano bene di rescindere il contratto (con tutti gli oneri del caso), spinti dalla voga del momento. Ci pare un comportamento poco trasparente e di mera opportunità politica.

 

5 Risposte

  1. avatar andrea

    05/03/2012, 01:11 pm

    Alpar-1- … sei sempre avanti !

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  2. avatar Pessina Gianfranco

    05/03/2012, 01:41 pm

    Ciao Rienzo, saresti cosi gentile da spiegare brevemente a chi come me non e’ un esperto in materia, quali sono le ricadute pratiche di questa scelta.Cosa dovrebbe cambiare se cambia l’agenzia di riscossione dei tributi?
    Grazie.

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  3. avatar Francesco Rienzo

    05/03/2012, 09:34 pm

    Ciao Pessina :) Come sai, Equitalia è da tempo al centro di numerose polemiche per come ha deciso di intraprendere la riscossione dei tributi. I problemi che molti sollevano riguardano i tassi di interesse elevatissimi che la società pubblica pratica ai cittadini, che collegati ad una lentezza amministrativa abnorme causa delle disfunzioni letali: i cittadini vengono a sapere in ritardo di una multa o qualcos’altro, nel frattempo i tassi sono lievitati, non hanno pagato perchè non sapevano, e magari nel frattempo sono stati pignorati dei beni. Un’altra critica, infatti, sta nella facilità con cui Equitalia pratica il pignoramento nei confronti dei cittadini. Ma soprattutto è diffusa la sensazione di molti che ci sia un trattamento differenziato tra più o meno potenti ed abbienti.

    Si tratta ovviamente di critiche che provengono da diverse parti già da tempo, ma che sono scoppiate solo in queste ultime settimane per la volontà di alcuni Sindaci di rescindere i contratti con Equitalia. Ma questo non ha senso perché i comuni hanno già la possibilità di non affidarsi ad Equitalia, indicendo un bando per scegliere una società privata. Molti di questi sindaci hanno prima firmato con Equitalia ed ora cambiano idea per l’opportunità del momento. Spero di aver sintetizzato tutto in maniera chiara.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  4. avatar Pessina Gianfranco

    05/04/2012, 01:19 pm

    Grazie, ho capito ma mi domando, ci saranno pure delle regole. Non credo che uno si alzi la mattina e possa aprire una agenzia per la riscossione dei tributi con regole fatte in proprio. Dovrebbero esistere anche dei controlli, se no chi mi garantisce che i nuovi non saranno peggiori dei vecchi?
    Saluti.

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  5. avatar Francesco Rienzo

    05/04/2012, 01:27 pm

    Bhe ovviamente ci saranno delle norme che regolano la disciplina per le società private di riscossione. E soprattutto il Comune indice un bando sulla base di determinati parametri. La fuga da Equitalia peró è di molti. Proprio oggi sulle pagine locali de Il Giorno si parla di questo argomento.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)

Lascia un Commento

(*) Obbligatorio, il tuo indirizzo Email non viene mostrato

Immagine CAPTCHA
*