INCENERITORE, LA PROVINCIA FISSA IL TERMINE DI CHIUSURA DEL PROCEDIMENTO: “DECISIVA LA REVOCA COMUNALE DEL PERMESSO DI COSTRUIRE”

, , 53 Commenti

No Inceneritore (www.paderno7onair.it)La questione inceneritore sembra avviarsi verso la tanto attesa conclusione. Attraverso un comunicato stampa, l’Amministrazione di Paderno Dugnano fa sapere che la Provincia ha comunicato a Paderno Energia il termine perentorio del 15 marzo entro il quale il procedimento verrà chiuso se non perverranno altre documentazioni rilevanti. Chiusura che appare scontata non esistendo altre carte rilevanti per la riapertura dei termini, almeno a dire della Provincia. 

La Provincia di Milano, infatti, sottolinea all’interno della lettera che la circostanza con la quale la società aveva richiesto la licenza è cambiata, a causa dell’intervento comunale di revoca del permesso di costruire a Eldap, proprietaria del terreno, sopra l’area interessata. Permesso che era stato attribuito ad Eldap dalla precedente giunta con delibera del 2 aprile 2009, senza però predeterminare il tipo di attività da effettuare nei frabbicati. Per analizzare tutti i documenti in questione, potete clikkare in questa pagina dove Paderno 7 ha pubblicato le delibere e le relazioni rilevanti.

COMUNICATO STAMPA

La revoca del titolo edilizio voluto dall’Amministrazione decisivo per la bocciatura del termovalorizzatore a Paderno

Paderno Dugnano (28 gennaio 2011). La Provincia di Milano ha comunicato che entro il 15 di marzo prossimo, Paderno Energie ed Eldap dovranno produrre la documentazione mancante relativa alla richiesta per la realizzazione di un termovalorizzatore al Villaggio Ambrosiano. Di fatto non è stata accolta l’ultima richiesta di proroga avanzata dalla società e si è fissato un termine perentorio e definitivo verso la conclusione dell’iter.

DOPO IL SALTO, LE DICHIARAZIONI DI SINDACO E VICESINDACO

“Dalla comunicazione della Provincia – commentano il Sindaco Marco Alparone e il Vicesindaco Gianluca Bogani – si legge chiaramente ed inequivocabilmente che la scelta di questa Giunta, che ha revocato il permesso di costruire rilasciato dalla precedente Amministrazione in maniera frettolosa e imprecisa, è stata determinante per scongiurare e bloccare un impianto che la nostra città non aveva mai voluto. Siamo alle battute finali di una delle eredità più pesanti che questa Amministrazione ha dovuto gestire: come sempre con trasparenza e fermezza. Ci siamo assunti la responsabilità di revocare quel titolo edilizio e oggi tutta la comunità raccoglie i frutti della nostra scelta. Ringraziamo tutti i cittadini che ci sono vicini e che hanno fiducia nel nostro operato”.

Il Vicesindaco               Il Sindaco

Gianluca Bogani           Marco Alparone

 

53 Risposte

  1. avatar Gianni

    01/29/2011, 10:45 am

    Come dice il Trap “non dire gatto se non ce l’hai nel sacco” sappiamo che, probabilmente, la prossima scadenza per consegnare documentazione potrebbe essere decisiva ma da qui a dire che l’inceneritore è scongiurato ne passa…io avevo anche capito che il Comune avrebbe fatto ricorso contro la Rho Monza ma da quanto ho capito ora sarà solo sugli espropri e non sul progetto che va avanti tranquillo.

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: -2 (from 4 votes)
  2. avatar Federico T.

    01/29/2011, 11:46 am

    Io sinceramente non capisco chi parla a vanvera dando ancora contro il comune sugli altri blog per la storia dell’inceneritore. Io non sono un politico e quindi non mi interessa difendere nessuno, ma le avete lette le carte che hanno messo nell’articolo??? Cioè la giunta di Massetti ha dato il permesso di costruire che ha causato questa situazione, e se il comune di adesso non l’avesse ritirato ORA avremmo un bel termovalorizzatore proprio dietro casa nostra!! Ma vi rendete conto di quello che hanno fatto? Per non parlare del casino della Rho Monza e di tutto il resto.. Io adesso farei un applauso ad Alparone che ci ha evitato una strage, invece che insultarlo..la campagna elettorale se la vuole fare qualcun’altro direi a questi blogghettari.

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 6 votes)
  3. avatar paolo

    01/29/2011, 08:44 pm

    “non dire gatto se non ce l’hai nel sacco” verissmo! Ma se il progetto di Paderno Energie aveva come sito l’ex area tonolli dove il permesso di costruire è stato ritirato, e il permesso di costruire è parte della documetazione che manca io credo sia scontato

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 3 votes)
  4. avatar Giovanni Giuranna

    01/30/2011, 11:08 am

    @ paolo: purtroppo non è scontato

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: -2 (from 4 votes)
  5. avatar Federico T.

    01/30/2011, 11:23 am

    Peccato che invece sia proprio così. Il fatto è che questa cosa dispiace a coloro che hanno cavalcato politicamente questa triste vicenda. Tutti si stanno rendendo conto, ed anche alcuni del fantomatico comitato contro l’inceneritore, che il comune ha gia risolto tutto, e per tirare avanti questo gruppo politico bisogna pure trovare una scusa, visto che l’inceneritore si allontana. Chissà cosa si inventeranno tra qualche mese… E pensare pure che vogliono rivendicarsi dei meriti, quando neanche sono a conoscenza di quello che il comune sta facendo e del fatto che la revoca e stato l’unico atto nei fatti, e non nelle tanto amate chiacchiere, che e servito a qualcosa per la decisione della provincia.

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 2 votes)
  6. avatar Lillo

    01/30/2011, 11:25 am

    Scusate ma come fate a difendere nei vostri blog chi ha dato la licenza che avrebbe permesso questa p***ata e non chi invece l’ha evitata? Certe cose non me le spiego…

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 2 votes)
  7. avatar Federico T.

    01/30/2011, 11:38 am

    Scusa Lillo ma te lo devo spiegare io il motivo?Se li leggi gli altri blog dovresti capirlo da solo. I loro autori rivendicano con furore la propria storia politica, uno con la falce e il martello l’altro da fiero cattocomunista (prima o poi ci spiegheranno il senso di questa parola se ce l’ha), nel segno della consolidata tradizione “piove, governo (di altri colori) ladro”. Assolutamente non c’è niente di male in questo, ma chi legge li le notizie lo deve sapere. È una tua colpa, perchè sono chiari in questo e per lo meno a definirsi così sono onesti

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 3 votes)
  8. avatar paolo

    01/30/2011, 01:15 pm

    @ Sig. Giuranna credo che non bisogna abbassare la guardia fino al no definitivo, ma sono anche abbastanza realista 1 + 1 fa 2 che il calcolo lo faccia uno di destra o uno di sinistra

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  9. avatar Elio:

    01/30/2011, 03:44 pm

    Giuranna, ma nel lontano 2007, quando si parlava con Cairoli e Massetti di biomassa e termovalorizzatore nella ex area Tonolli tu doveee eri? o quando il 23 aprile 2009 nella sede del quartiere Villaggio A. veniva presentato il progetto Eldap? Vorrei precisarti che la concessione edilizia è stata rilasciata il 16 aprile 2009 e la convocazione del consiglio di quartiere è stata fatta il 10 aprile 2009 da Arturo Baldassarre presidente di quartiere, non ti pare strano che la convocazione viene fatta prima che sia rilasciata la concessione edilizia? Giuranna tu in questa fase eri totalmente assente ed ora ti svegli per prendere i meriti?
    Il merito se riusciamo a non far fare l’inceneritore è di questa giunta che ha revocato la concessione edilizia, degli esponenti di centro destra che si sono impegnati in Provincia (senza buttare benzina sul fuoco solo mettersi in evidenza) e della gente che fortunatamente ha votato centro destra, permettendo a Marco Alparone e Bogani di poter procedere alla revoca.
    L’unica cosa che stai cercando di fare e prepararti alle prossime elezioni amministrativi, forse candidandoti insieme a chi stava cercando di far costruire l’inceneritore, basta rileggere il verbale della conferenza di servizi, dove il funzionario comunale I. C. firmava la delocalizzazione dell’inceneritore di Incirano, tutto ciò a dimostrazione che te né guardi bene nel parlare di queste cose che colpiscono la tua area . Visto il buon esito della vicenda inceneritore, potresti dirci di che cosa si occuperà il prossimo comitato?

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 2 votes)
  10. avatar Giovanni Giuranna

    01/30/2011, 04:07 pm

    @ Elio: anzitutto grazie per l’attenzione. Nel 2007 non seguivo così attentamente le vicende politiche locali, non avevo creato ancora il blog La Scommessa (è nato a metà 2008). Non cerco meriti personali, ma non accetto mistificazioni sulla questione inceneritore e sulle altre emergenze che minacciano la nostra città. Nei mesi passati (da febbraio ad oggi) ho dedicato molte energie insieme a tante altre persone all’interno del Comitato No Inceneritore. Abbiamo lavorato intensamente per il bene di tutti e continuiamo a farlo fino a che la procedura non sarà definitivamente chiusa. Esultare prima del fischio finale non è indice di prudenza e serietà.
    Cordialmente,
    Giovanni Giuranna

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 2 votes)
  11. avatar antonio

    01/30/2011, 07:02 pm

    Buona sera a tutti se si potesse conoscere il testo di questa comunicazione della provincia forse le cose sarebbero molto + chiare

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  12. avatar Francesco Rienzo

    01/30/2011, 11:02 pm

    Mi dispiace ma, come scritto nell’articolo, la lettera è stata inviata dalla Provincia a Paderno Energia e Comune. Noi non disponiamo della comunicazione integrale.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -1 (from 1 vote)
  13. avatar Gianfranco Pessina

    01/31/2011, 08:08 am

    In questa, come in altre vicende che non si possono citare per non uscire dal post, c’e’ una cosa che non mi convince. Dove era l’opposizione quando la giunta Massetti metteve in atto il suo piano di “distruzione di massa”.Ma come, alla vigilia delle elezioni e’ stata fatta una delibera che, secondo voi, autorizza a costruire un inceneritore e nessuno dice niente. Potevete prendere il doppio dei voti !Poi nascono i comitati e allora….
    @Federico. Come sempre in perfetto stile berlusconiano, chi non la pensa come voi e’ comunista o peggio ancora cattocomunista. Ce lo spieghi lei il senso della parola, visto che la usa con tanto ardore.
    Saluti.

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: -2 (from 2 votes)
  14. avatar silvio

    01/31/2011, 10:24 am

    sig Pessina come al solito non aspetta altro che tirare in ballo l’ opposizione della ex giunta massetti ma se è opposizione è chiaro che non avevano i numeri ( essendo la minoranza) per contrastare questa cosa, poi non è che secondo noi c isono le carte che parlano. incominco a leggersi le carte

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 2 votes)
  15. avatar Federico T.

    01/31/2011, 10:51 am

    Scusi sig. Pessina ma forse lei non ha ancora letto bene l’articolo ed i documenti che i ragazzi di Paderno 7 le hanno indicato dall’inizio alla fine. La decisione di concedere il permesso di costruire è stata presa senza farla passare dal consiglio comunale, ma addirittura in fretta e furia poche settimane prima delle elezioni dalla giunta di Massetti. Questo significa che l’opposizione non ha potuto esercitare un suo sacrosanto diritto, dato che il consiglio comunale, dove siede la minoranza, non si è pronunciato. Ma soprattutto la deliberazione non diceva espressamente cosa il proprietario avrebbe dovuto fare, basta che si legga il documento messo su questo blog. Cosa ancor più brutta autorizzava il proprietario di quel terreno inquinatissimo a fare ciò che voleva!!! Ovviamente dopo qualche mese dopo le elezioni salta fuori per magia la richiesta di un’azienda che vuole farci un inceneritore! Toh che sorpresa!! Ovviamente di chi e colpa? Ma e COLPA DI ALPARONE no?? Non capisco perche debba difendere l’indifendibile, purtroppo non e possibile.

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
  16. avatar giorgio r.

    01/31/2011, 12:13 pm

    Una cosa è rilasciare un permesso di costruire riferito ad insediamenti industriali, un’altra è approvare l’insediamento di un inceneritore.
    L’area ex Tonolli è un’aria industriale e il permesso rilasciato dall’allora amministrazione riguardava il riutilizzo di quest’aria (dopo bonifica) per usi industriali.
    L’aver da parte di questa amministrazione revocato il permesso di costruire non preclude assolutamente la possibilità di un insediamento di un inceneritore in quell’aria, perché il permesso per la costruzione di un inceneritore , cosi come l’ampliamento della rho-monza non dipende dall’amministrazione comunale ma da Provincia e Regione, dimostrazione è che , nonostante che la revocato del permesso è stata fatta nel febbraio 2010 ancora oggi nulla è ancora definito anzi, come si legge nel comunicato , Paderno Energie e Eldap hanno tempo ancora sino al 15 marzo 2011 per “produrre la documentazione mancante relativa alla richiesta per la realizzazione di un termovalorizzatore al Villaggio Ambrosiano.”
    Per questo condivido quanto scritto da Gianni in riferimento alla famosa frase del Trap e attendo fiducioso il No della provincia dopo il 15 marzo 2011.

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 2 votes)
  17. avatar Gianfranco Pessina

    01/31/2011, 01:38 pm

    Secondo me fate finta di non capire.Le delibere di giunta non passano dal consiglio ma non sono segrete !!! Qui non si trattava di opporsi con i voti ma di denunciare pubblicamente un fatto grave.Non mi risulta sia stato fatto. Non si tratta neanche di colpe di questo o quello (anche lei riconosce che la delibera non diceva cosa si sarebbe fatto).Per fortuna i comitati ci hanno informato.Adesso aspettiamo il fischio finale.
    Saluti

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 2 votes)
  18. avatar silvio

    01/31/2011, 01:46 pm

    si infatti Masetti aspettava di vincere le elezioni e di darci questo bellissimo comunicato ” al villaggio si farà un nuovo inceneritore” poi sig Pessina ma stiamo parlando di un inceneritore che non esite perchè non mi spiega dell inceniritore gia esistente a Incirano ????? chi ha dato i permesso a costruirlo e chi doveva controllarlo, lei non sa quante battaglie fatte da chi abita li vicino con l ex assessore ricci che non ha mai risposto e neanche ascoltato .

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  19. avatar antonio

    01/31/2011, 01:51 pm

    L’amministrazione parla di comunicazione ma non specifica se è scritta o se verbale.Nel primo caso avrebbe un valore formale nel secondo non ne avrebbe alcuno considerato che gli unci atti ufficiali delle pubbliche amministrazioni sono quelli scritti e non quelli espressi a voce. Pensavo che voi, gestori del blog, essendo in buoni rapporti con l’Amministrazione comunale poteste chiarirci questo dubbio

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: -1 (from 1 vote)
  20. avatar Francesco Bruscolini

    01/31/2011, 02:56 pm

    Il materiale informativo in tal senso a cui può accedere questo blog, è lo stesso che è ha disposizione della cittadinanza tutta; fatta eccezione per qualche “rumors” o comunicazione da parte di privati, che ci contattano tramite e-mail e che noi trasformiamo in articolo, pubblicato in un apposito spazio, R&P appunto. Ad oggi tutto il materiale sull’argomento di cui disponiamo, è presente nei nostri precedenti aricoli in archivio facilmente consultabile dalla home page. Ci auguriamo che ciò, serva almeno in parte, a chiarire eventuali dubbi in merito. Al momento di più non disponiamo, ma ci ripromettiamo che, al termine di tutta questa faccenda, produrremo un articolo che ripercorra nella maniera più veritiera possibile, il percorso temporale della “questione inceneritore”.
    Cordialmente saluto tutti i lettori

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  21. avatar Elio

    01/31/2011, 03:27 pm

    Antonio la comunicazione è scritta non è verbale ed è stata inviata anche ai comuni limitrofi, provate a chiederlo al comune di Cormano.
    Rossetti tu sei verde solo se metti la camicia della lega per il resto racconti le notizie a tuo piacimento.
    Spiegami perché bisognava rilasciare la concessione edilizia in meno di 40 giorni; perché Arturo convoca il consiglio di quartieri prima che la concessione viene rilasciata; Cairoli e Massetti la sera del consiglio di Quartiere hanno negato l’esistenza del termovalorizzatore, personalmente ho chiesto sia a Massetti che a Ernesto se ci fosse nascosto la realizzazione di una centrale di Biomassa/termovalorizzatore.
    La concessione rilasciata parla di industria pesante, i dubbi come vedi li ho posti in tempi non sospetti, stai continuando a difendere l’indifendibile, daltronde ti capisco visto che ne facevi parte “insieme all’ex assessore Crapuzzo” di quella maggioranza. x Silvio: l’assessore a cui ci siamo rivolti era Cairoli, con Ricci parlavamo quando era ENI a voler costruire l’inceneritore, nei pressi della Rho Monza.

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 2 votes)
  22. avatar Francesco Rienzo

    01/31/2011, 03:35 pm

    @ antonio: il dubbio sembra facilmente risolvibile, in quanto parlandosi di comunicazione alle società Paderno Energia e Eldap del nuovo termine, mi sembra palese che sia scritta. Non si possono stabilire delle indicazioni procedimentali senza atti ufficiali. Ecco perchè mi soffermerei sul altri aspetti.

    La ringrazio per ‘i buoni rapporti’ in cui ci ritiene con l’Amministrazione, anche se non si tratta che della cordialità con cui un qualsiasi mezzo di informazione o una associazione territoriale dovrebbe per buon senso tenere con tutti gli altri soggetti padernesi, politici o meno. Questo significa che stiamo riuscendo nel nostro intento. Anche se, ovviamente, questo non implica vie privilegiate di comunicazione di informazioni rispetto ad altri cittadini.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  23. avatar giorgio r.

    01/31/2011, 04:25 pm

    @Torraca , non mi sembra di aver raccontato nulla che non sia documentabile, sto solo dicendo che non è con la revoca del permesso di costruire che si ferma la possibilità di realizzare l’inceneritore e i fatti lo stanno a dimostrare.
    Visto che sai tutto xchè non ci dici quando questa amministrazione è venuta a conoscenza della richiesta di costruire un inceneritore e del xchè di questo caso se ne saputo solo a gennaio del 2010 quando i Verdi hanno volantinato al Villaggio Ambrosiano.

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: -2 (from 2 votes)
  24. avatar Elio

    01/31/2011, 04:53 pm

    Giorgio: la prima richiesta verbale di Paderno Energia è pervenuta a questa amministrazione i primi giorni di settembre 2009 (non ti pare che il tutto era già pronto?). La provincia nel rifiutare la proroga a Paderno Energia, fissa il termine il 15 marzo per integrare con nuova documentazione rilevante, altrimenti riterrà chiuso il procedimento. Nella stessa comunicazione fa notare che Eldap e Paderno Energia sono prive della concessione edilizia revocate dal comune di Paderno D., quindi carenti di documentazione.
    Giorgio mi permetto di suggerirti, di chiedere copia della lettera pervenuta dalla Provincia, considerato i buoni rapporti che hai con le amministrazioni che hanno schierato i propri assessori come difensori del territorio.

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
  25. avatar Gianfranco Pessina

    01/31/2011, 05:54 pm

    @Silvio, vedo che non sono il solo ad avere le idee confuse.Vogliamo parlare dell’inceneritore di Incirano? va bene, dato che abbiamo “voltato pagina”, cominciate a tirare fuori qualche dato sui controlli che si stanno facendo adesso, poi parleremo anche del passato.Aspetto notizie.

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: -2 (from 2 votes)
  26. avatar silvio

    02/01/2011, 09:44 am

    sig Pessina gia tempo fa l’ assessore Tonello ” al quartiere di Palazzolo milanese” aveva spiegato sia per i controlli che per le rilevazione. Se lei non partecipa hai consigli di quartiere non è in mio problema. Sopratutto non faccia finta di niente noi ci ricordiamo bene del passato specialmente chi abita li e vogliono sapere perchè tempo fa l’ ex assessore ricci ” dei verdi” non aveva fatto propio niente. Almeno ora ci hanno ascoltato

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
  27. avatar Gianfranco Pessina

    02/01/2011, 01:34 pm

    Mi pare che Ricci non sia piu’ assessore da almeno 5+2 anni ma non importa, potresti precisare meglio cosa doveva fare e chi sono quelli che abitano li, li dove ? Chi vi ha ascoltato?
    E’ vero, non partecipo ai consigli di quartiere, ma se si vuole veramente informare la gente ci sono tanti mezzi come ad esempio la Calderina.(Ultimamente non mi arriva piu’, saro’ sulla lista nera, in compenso se ne trovano sempre molte copie in oratorio, chissa’ chi le porta?).
    PS lascia perdere il sig.
    Saluti

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: -2 (from 2 votes)
  28. avatar Andrea

    02/01/2011, 06:03 pm

    L’inceneritore di Incirano è stato IMPOSTO dalla Regione Lombardia perchè ritenuto di pubblica utilità.
    Le passate amministrazioni di cs hanno cercato di farlo spostare o chiudere ma nulla è servito. Nell’archivio della Calderina ci sono documentazioni chiare sulla vicenda.
    Saluti
    Andrea

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 2 votes)
  29. avatar Franco

    02/01/2011, 06:18 pm

    Devo dire che anche a me non arriva più la Calderina da tempo. Che qualche buontempone le rubi dalle casette della posta? O proprio ci sono problemi di consegna?

    Andrea, forse la precedente amministrazione di centrosinistra stava cercando di spostare l’inceneritore di Incirano al Villaggio? E’ questo che stai dicendo?

    Franco

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  30. avatar Andrea

    02/01/2011, 08:54 pm

    CALDERINA 2 FEBBRAIO 2004
    la pagina 11 è dedicata alla polemica sul rinnovo dell’autorizzazione alla società Politermo da parte della Regione (made in Formigoni).
    Chiaro il no dell’AC e chiara è la volontà di spostarlo fuori dai confini comunali.

    qui sotto un estratto dell’articolo che reputo interessante:
    “In Consiglio Comunale Verdi, Ds, Margherita. Prc e lista civica Al Centro promuovevano un ordine del giorno con la cui approvazione si chiedeva alla Regione lo spostamento dell’inceneritore da Paderno Dugnano anche in considerazione della scadenza dell’autorizzazione nel 2003. Una richiesta a cui è seguito il silenzio da parte regionale, fino all’ottobre scorso, quando la Regione ha trasmesso al Comune di Paderno copia della delibera in cui si rinnovava l’autorizzazione fino al 2008″.

    http://www.comune.paderno-dugnano.mi.it/binary/paderno_dugnano/la_calderina/04_02_febbraio.1124444451.pdf

    saluti
    Andrea

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: -1 (from 3 votes)
  31. avatar Gianfranco Pessina

    02/02/2011, 08:10 am

    Grazie ad Andrea per la chiara precisazione e per averci dato la possibilita’ di rivedere com’era la Calderina quando riportava NOTIZIE.
    Saluti

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: -2 (from 2 votes)
  32. avatar giorgio r.

    02/02/2011, 09:52 am

    @silvio forse hai la memoria corta o forse sei troppo giovane per ricordare , ma come puoi vedere dall’articolo postato da Andrea non solo i Verdi ma tutti i partiti della allora amministrazione sono sempre stati contrari all’inceneritore ad Incirano, a tale proposito ti invito ad andare a vedere sul blog dei verdi l’ordine del giorno presentato e votato nel 2002. L’esito della votazione ti chiarirà meglio le idee su chi era contrario a quell’insediamento.

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: -2 (from 2 votes)
  33. avatar Francesco Rienzo

    02/02/2011, 01:28 pm

    Giorgio, piuttosto che il link può mettere anche qui il testo dell’odg.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  34. avatar giorgio r.

    02/02/2011, 05:42 pm

    Mi spiace ma non so come fare è in formato jpg, non capisco xchè si può linkare sul sito del comune per vedere la calderina e invece non si può sul blog, il link che avevo messo andava direttamente alla pagina senza far vedere altre notizie del blog.

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: -2 (from 2 votes)
  35. avatar matteo

    02/02/2011, 05:49 pm

    Andrea se leggiamo gli atti ufficiali parlano di de localizzare l’impianto di Incirano. De localizzare vuol dire all’interno del comune , non come tu sostieni lontano dal comune, il tutto solo per precisare a te e Giorgio R.

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 2 votes)
  36. avatar emiliano a

    02/02/2011, 06:03 pm

    delocalizzare, secondo il vocabolario della lingua italiana, significa trasferire in un altro luogo e non trasferire all’interno del comune

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: -2 (from 2 votes)
  37. avatar Francesco Rienzo

    02/02/2011, 06:33 pm

    Giorgio mi dispiace ma è una policy che teniamo da tempo. Per le repliche potete inserire gli elementi necessari sul blog per permettere a tutti di leggerli qui e non altrove. Salvo che per documenti in PDF come quelli sul sito comunale o per altre tematiche dove appaiano rilevanti. Altrimenti tutti farebbero così.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  38. avatar Federico T.

    02/02/2011, 06:43 pm

    emiliano e giorgio, mi viene da ridere leggendo le vostre affermazioni. Ma l’avete letto, tra i tanti altri, il verbale della conferenza servizi del 2007 con il vostro sindaco Massetti, dove si scrive che

    Paderno energia “”si è resa disponibile allo spostamento dell’attività come proposto dal Comune in un’area a destinazione d’uso industriale, rientrante nel territorio di Paderno Dugnano, e conferma la seria intenzione di raggiungere un accordo in termini concreti con l’Amministrazione Comunale”"

    Rientrante nel comune!!!!!! E allora di che parlate? O non vi mettevate d’accordo tra di voi oppure c’è qualcosa che non va!

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 2 votes)
  39. avatar giorgio r.

    02/03/2011, 09:30 am

    Sono riuscito a trovare il file in word dell’ordine del giorno a cui mi riferivo nel mio precedente post quindi eccovi l’ordine del giorno presentato 11 novembre 2002

    OGGETTO: ORDINE DEL GIORNO PRESENTATO DAI GRUPPI DEL PARTITO DELLA RIFONDAZIONE COMUNISTA, VERDI, AL CENTRO PADERNO DUGNANO, LA MARGHERITA DEMOCRAZIA E’ LIBERTA’ E DEMOCRATICI DI SINISTRA SU TERMODISTRUTTORE POLITERMO.

    Il Consiglio Comunale di Paderno Dugnano,
    Premesso
    che il giorno 17/10/2002 presso la ditta Politermo S.r.I. situata in Via Valassina, durante le fasi di collaudo del nuovo forno di incenerimento per rifiuti ospedalieri e speciali non nocivi, si è verificato uno scoppio:
    che l’esplosione ha comportato notevoli danni alle strutture circostanti e ha provocato il ferimento, fortunatamente non grave, di un addetto, ma che avrebbe potuto anche avere ripercussioni ben più gravi, per la collocazione dell ‘inceneritore in un area densamente urbanizzata.
    Considerato
    che il forno è stato localizzato dalla Regione Lombardia con atto di variante urbanistica d’interesse sovracomunale nel 1987;
    che il Prg adottato nel 1990 e approvato dalla Regione nel 1993 ha comunque permesso di localizzare nelle adiacenze del forno la lottizzazione “C”, edificata negli anni successivi (1996/97) e il motel “Futura” (nel 1990/92, quest’ultimo con le leggi regionali speciali per l’industria alberghiera a servizio dei mondiali di calcio del 1990);
    che addirittura la Regione Lombardia ha autorizzato il potenziamento del forno nel 1999, concludendo le procedure autorizzative nel 2001 e che con delibera di giunta n° VII/7844 del25 gennaio 2002, ha approvato il progetto e l’autorizzazione alla realizzazione di varianti sostanziali all’impianto, nonostante il parere contrario da parte del Comune di Paderno Dugnano;
    che la Regione Lombardia non ha mai risposto alla richiesta di cui alla delibera consiliare n° 9/2001, delibera con cui si prendeva atto del riconoscimento dell’interesse comunale del parco del Grugnotorto presso cui il forno inceneritore è localizzato,e che ha generato anche la proposta di accordo di programma fatta dal Comune di Paderno Dugnano alla Regione Lombardia per ottenere la delocalizzazione di tutte le attività di trattamento dei rifiuti incluse nel parco, ivi compreso il forno inceneritore;
    chiede
    alla Regione Lombardia, anche alla luce di quanto è successo, di revocare l’ autorizzazione rilasciata e di individuare una locazione più adatta per tale impianto.

    esito della votazione:
    - presenti n.28
    - astenuti n.6 (Forza Italia e Lega)
    - favorevoli n.21 (Verdi, Rifondazione Comuinista, Democratici di Sinistra, La Margherita democrazia e liberta’ , Partito dei Comunisti Italiani
    - contrari n. 1 (Allenza Nazionale)

    Per Federico delocalizzare l’inceneritore di Incirano in area idonea, non vuol dire costruirne uno nuovo 10 volte più grande e più vicino alle case.

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: -1 (from 3 votes)
  40. avatar Andrea

    02/03/2011, 11:14 am

    E’ una analisi poco costruttiva cercare qualche sterile prova per incolpare le passate amministrazioni, rea di aver tentato di salvaguardare “la nostra comunità” dalla continua minaccia portata dall’inceneritore situato ad Incirano, senza considerare a chi appartengono le reali responsabilità. Nel 2004, dopo l’ennesimo incidente, si era ragionevolmente chiesto alla Regione Lombardia (Pdl + Lega) di chiudere definitivamente l’impianto oppure, come male minore, la sua de localizzazione fuori confine o in Paderno ma in un’area industriale lontano dai centri abitati e dal parco Grugnotorto. Anche queste ultime richieste non sono state soddisfatte. Mi pare che le responsabilità della Regione (Pdl + Lega), che vuole tanto bene ai padernesi, siano evidenti.
    Se la storia insegna facciamo attenzione al mostruoso inceneritore che si vuole costruire al Villaggio, gridare vittoria prima di attendere la definitiva partita contro la Paderno Energie mi pare poco saggio soprattutto se è dimostrato che in Regione Lombardia (PdL+Lega+ il Trota+ la Minetti…) di noi poco importa.

    Saluti
    Andrea

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 2 votes)
  41. avatar Gianfranco Pessina

    02/03/2011, 01:43 pm

    Come cittadino, piu’ che ridere, mi viene da piangere.Possibile che su questioni delicate come quelle che riguardano la salute, le decisioni vengano prese da gente che magari non sa neanche dov’e’ Paderno? Possibile che tra noi non si possa trovare qualche punto in comune? Invece ognuno tira fuori i comunicati che gli interessano.
    Saluti

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 2 votes)
  42. avatar Gianfi

    02/03/2011, 02:36 pm

    Scusate se intervengo, ma nessuno risponde alle domande sorte in tale discussione e che sono fondamentali per capire. Purtroppo a me sembra più un comizio di chi vuole scrollarsi qualche colpa di dosso. Vorrei che questi signori che commentano sopra chiarissero a me cittadino e che voto e pago le tasse alcune cose che non riesco a capire: se è vero che la revoca del permesso di costruire che si era concesso nella precedente amministrazione è stato determinante per arrivare se non a una chiusura ancora formale ad una chiusura quasi sostanziale, perchè attaccate chi questa revoca l’ha fatta, cioè il sindaco Alparone? Se così e, è solo a lui che dovremmo questo scampato pericolo. Poi, perchè è stato concesso questo permesso così generale, visto che io ricordo bene che già a quel tempo si vociferava di un possibile inceneriore in quella zona (io sono del villaggio) Veramente vorrei che qualcuno mi chiarisse questi dubbi, invece di riportare ordini del giorno che non hanno avuto nessun valore ai fini di questa struttura che si stava eseguendo. GRazie

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
  43. avatar giorgio r.

    02/03/2011, 06:21 pm

    @Gianfi se è vero che la revoca del permesso di costruire è determinante per un no alla costruzione dell’inceneritore , xchè la faccenda non si è conclusa l’anno scorso ma si è dato tempo sino al 15 marzo di quest’anno a Paderno Energie per presentare la documentazione necessaria?
    Se leggi attentamente l’ordine del giorno che ho postato, (solamente per rispondere alle affermazioni di Silvio che ha sollevato la questione emettendo giudizi su persone facendo nomi e cognomi) puoi notare come l’inceneritore di Incirano “è stato localizzato dalla Regione Lombardia con atto di variante urbanistica d’interesse sovracomunale nel 1987”, questo è possibile ancora oggi anche senza un permesso di costruire rilasciato dall’amministrazione.

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  44. avatar Gianfi

    02/03/2011, 06:47 pm

    Si ho capito giorgio, ma che c’entra il sindaco Alparone in tutto questo? Lui è stato l’unico a fare realmente un atto contro l’inceneritore, e non altri, quindi dovreste complimentarvi con lui invece che dargli contro. E’ questo che non capisco. Più che togliergli l’autorizzazione e sapere che la proprietara non è più nemmeno interessata a dare il terreno per un inceneritore, non so cos’altro dovrebbe fare. Non che io voglia difendere Alparone a tutti i costi, ma mi sembra così evidente

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
  45. avatar Matteo

    02/03/2011, 07:12 pm

    Andrea mi sembri sordo e cieco, ripeto per l’ultima volta che il verbale della conferenza servizi, per la delocalizzazione dell’inceneritore è stato firmato da un funzionario comunale (dott.ssa I.C. per riservatezza) incaricato per quella seduta, durante la legislatura di Massetti, con questo spero che ti informi e non fai solo una triste polemica.

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  46. avatar Andrea

    02/04/2011, 11:13 am

    Matteo, è logico che un atto di una amministrazione è firmato da un suo funzionario. Ma è una conseguenza dovuta ad una imposizione politica autoritaria pervenuta dall’altro (Regione Lombardia). Un esempio recente è l’aver rilasciato i permessi alla tristemente famosa azienda Eureco.

    Andrea

    Ps
    per favore modera i termini, dato che non è il caso di citare handicap gravi per insultare.

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  47. avatar Matteo

    02/04/2011, 12:28 pm

    x Andrea: dire sordo e cieco non si vuole offendere nessuno, ma ti si dice prima di scrivere cerca di leggere e vedere come stanno le cose. Il suggerimento non ti è servito a nulla, hai commentato dicendo che il funzionario agisce di conseguenza ad una impostazione politica, indicando la Regione Lombardia responsabile di quella scelta. Ti informo che il funzionario e alle dipendenze del comune di Paderno Dugnano, nel tuo commento vi è una sola informazione esatta, che il funzionario partecipava in rappresentanza del comune ed era una impostazione politica, (quella della giunta Massetti non quella della regione), erano loro a voler de localizzare al Villaggio Ambrosiano l’inceneritore. Se vuol proseguire nel dialogo si faccia dare la documentazione necessaria “verbali di conferenze di servizi, motivazione per il rilascio di autorizzazioni ecc.” senza fare esempi blaterati e a casaccio. La saluto in modo a lei non equivoco con toni moderati

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  48. avatar giorgio r.

    02/05/2011, 11:12 am

    “Lui è stato l’unico a fare realmente un atto contro l’inceneritore” , Gianfi forse dimentichi tutti i cittadini di Paderno Dugnano e dei comuni limitrofi che si sono mobilitati in questo anno per far sentire la loro contrarietà a questo progetto. Unica cosa che rimprovero al nostro Sindaco e a tutti i partiti che lo sostengono è quella di essersi chiusi all’interno del palazzo e non aver assolutamente condiviso con la popolazione la lotta contro l’inceneritore .
    Sappi anche che qualche assessore , in particolare quella al bilancio, non erano del tutto contrari all’insediamento dell’inceneritore perché il suo insediamento avrebbe portato soldi alle casse del comune.
    Quindi mi pare di pessimo gusto dichiarare che un eventuale no all’inceneritore è solo merito di questa amministrazione, anche xchè la revoca del permesso di costruire (del tutto ininfluente) è avvenuta solo dopo che i cittadini si sono mobilitati .
    Comunque aspetterei l’esito del 15 marzo prima di gridar vittoria non si sa mai cosa può succedere nel frattempo.

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  49. avatar Elia

    02/05/2011, 01:49 pm

    @Giorgio: cerca di non prendere in giro, non bisogna scendere in piazza per lottare contro qualcosa che riteniamo non giusto, ma esistono altri modi tra cui rivolgersi direttamente alle istituzioni . Secondo il tuo ragionamento io sarei contento di avere l’inceneritore al Villaggio Ambrosiano? lottiamo da diversi anni senza metterci mai in evidenza, insieme a degli amici abbiamo lottato contro l’inceneritore che voleva installare ENI durante la legislatura Casati, ci siamo attivati per non far installare il tritarifiuti dall’ex sindaco Casati nella area dove io chiedevo da anni spiegazioni. Giorgio bisogna fare non urlare noi faremo solo per ottenere 4 miseri voti in più.

    Elia Torraca prima abitazione dall’ipotetico inceneritore

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  50. avatar Simone Carcano

    02/05/2011, 02:21 pm

    Non è andando sulla montagnetta che si ottengono le cose. Lì al massimo solo qualche foto sul giornale….

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  51. avatar giorgio r.

    02/12/2011, 10:15 am

    Come richiesto da molti e per meglio capire vi posto il comunicato emesso dalla Provincia a cui fa riferimento il comunicato del Sindaco.

    “Con riferimento alla possibilità di ulteriore proroga richiesta con nota datata 08/10/2010 (atti prov.li 14/10/2010 prot.186409), per la presentazione della documentazione integrativa, ancora mancante, si rammenta che la scrivente Amministrazione in accordo con Regione Lombardia ha già assentito ad una prima richiesta di proroga inoltrata con 08/06/2010 /atti prov.li 09/06/10 prot.114596), in ragione della complessità della documentazione da presentare.
    Pertanto, con riferimento all’ultima richiesta di proroga relativa alla documentazione avente ad oggetto gli aspetti relativi alla viabilità di accesso e il sistema di gestione delle acque nonché eventuali fenomeni interessanti il sottosuolo, collegati alla revoca del titolo edilizio precedentemente rilasciato alla Società ELDAP Srl (proprietaria dell’area) si ritiene necessario che la Società Paderno Energie Srl e la Società ELDAP Srl (proprietaria dell’area) chiariscano senza ulteriori indugi e in modo definitivo la loro reciproca posizione e gli accordi in essere.

    I Comuni in indirizzo , che vengono con la presente informati dello stato dell’istruttoria in corso (avviat con nota prov.le 20/01/2010 prot. 12885 di cui si allega copia) sono invitati a presentare le proprie osservazioni in merito al progetto, sulla base della documentazione che verrà loro trasmessa, entro la data del 15/03/2011.

    Successivamente a tale data la Regione lombardia fisserà la data di convocazione dell’incontro di concertazione per la definizione dell’istruttoria AIA/VIA, al quale saranno chiamati a partecipare tutti gli Enti interessati.”

    Come si può capire dal comunicato nulla è ancora definito. Con esso la provincia invita le società Eldap e a Paderno Energie a chiarire e fornire nuove documentazioni in riferimento ad alcuni aspetti e i Comuni a presentare le loro osservazioni in merito entro il 15/03/11. Solo dopo verrà definito il tutto.
    Il dichiarare in base a questo comunicato che l’inceneritore non si farà grazie alla revoca del permesso di costruire da parte dell’Amministrazione, presume una buona dose di “coraggio”.

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  52. avatar Roberta

    02/12/2011, 11:42 am

    Grazie Giorgio per l’approfondimento, ma io continuo a non capire!Forse ragiona da profana e non colgo gli aspetti burocratici che gli addetti riesconoa leggere tra le righe. mi trovo più d’accordo con ilsignore che scriveva senza il permesso di costruire cosa vogliono fare?! Nel sensoc he se è stato ritirato questo permesso alla società Eldap, PadernoEnergie dove vuole andare? Il progetto presentato riguardava quella specifica collocazione legata al permesso di costruire che la proprietà possedeva, se quest’ultimo viene a mancare dovrebbe ( uso il condizionale perchè non bisogna cantar vittoria ora)decadere il tutto!!!!! Io spero che questo ritiro sia il fattore denominante per far decadere tutta la procedura. incrociamo le dita

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  53. avatar giorgio r.

    02/13/2011, 03:02 pm

    @Roberta devi sapere che la collocazione di eventuali inceneritori dipende dalla Provincia la quale avanzando l’interesse sovracomunale , cosi come avvenuto x l’inceneritore di Incirano, può definire il luogo dove insediarli indipendentemente dai Pgt vigenti e dai permessi di costruire rilasciati.
    A dimostrazione di ciò è che il rilascio della proroga è stato fatto l’8 giugno 2010 nonostante che il Comune avesse revocato il permesso di costruire a febbraio/marzo, x questo anch’io incrocio le dita ed aspetto a cantar vittoria.

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)

Lascia un Commento

(*) Obbligatorio, il tuo indirizzo Email non viene mostrato

Immagine CAPTCHA
*