LA FREDDA NOTTE A PADERNO

, , Lascia un commento

Natura freddo gelo neve nevicata brina frutto mela La scorsa nottata è stata probabilmente la più fredda di sempre, con la temperatura crollata ben al di sotto della soglia dei -10°.
Nonostante il clima decisamente polare, strade e marciapiedi sono rimasti per lo più liberi da ghiaccio e neve, permettendo una corretta circolazione del traffico.

In effetti, quest’anno (a differenza di quello scorso) il piano neve a Paderno pare aver funzionato senza intoppi.
Le arterie principali della città sono state ripulite in modo tempestivo, evitando di diventare delle “trappole” bianche e piste di pattinaggio improvvisate.
Purtroppo, non in tutti i paesi possiamo constatare la medesima situazione positiva.

Ad esempio, Senago è rimasta in evidente stato di disagio a lungo, prima che qualcuno intervenisse in modo appropriato.
Eppure, le nevicate di Martedì e Mercoledì con il conseguente brusco calo delle temperature era stato previsto con largo anticipo.

CONTINUA

Siamo nel 2012 ed è quasi impensabile che nell’era di Internet e dell’approssimarsi dei viaggi interstellari con sonde e satelliti spaziali, non si riesca a tenere le strade pulite per soli 10 o 20 cm di neve.

Come Paderno, comunque, si sono mossi bene moltissimi altri paesi dell’hinterland, come Brugherio, Cernusco, Sesto e Cinisello.
Questo ha permesso ai pendolari di arrivare a lavoro senza grandi problemi, pur utilizzando le autovetture.
A fianco ad un bilancio positivo delle strade, si segnala anche un ottimo servizio dei mezzi pubblici locali, che non hanno risentito più tanto del clima insolitamente rigido.
Le Ferrovie Nord hanno funzionato discretamente bene, con pochi treni in ritardo, consentendo di poter raggiungere il posto di lavoro e le scuole in tempo, così come ATM.

Per i prossimi giorni, si segnalano ulteriori possibili nevicate e ancora una situazione di freddo intenso.
Speriamo che la guardia rimanga alta e che tutto funzioni come è stato fino ad ora, anche se vogliamo comunque ricordare di evitare di uscire di casa, soprattutto alle persone anziane, nei momenti di maggiore freddo e di stare attenti alle lastre di ghiaccio che si possono formare verso sera nei posti meno battuti dal sole.

 

Lascia un Commento

(*) Obbligatorio, il tuo indirizzo Email non viene mostrato

Immagine CAPTCHA
*