LA NUOVA STAZIONE DI PADERNO E LE METROTRANVIE SU UN BINARIO MORTO. QUANDO PARTONO I LAVORI?

, , Lascia un commento

Area sulla quale sorgerà la nuova stazioneIn questo periodo a Paderno Dugnano vige una situazione di stallo per quel che riguarda la riqualificazione del trasporto pubblico: i soldi per le due nuove metrotranvie e la stazione ferroviaria ci sono, ma per i lavori effettivi bisognerà aspettare ancora un po’ di tempo. Entriamo però nel dettaglio, di quali possano essere le ragioni di questi ritardi.

Mentre procedono a gonfie vele i lavori per la nuova stazione unificata di Cusano-Cormano ed è imminente (anche se in ritardo) l’apertura della nuova stazione di Milano Bruzzano, spostata verso il Parco Nord, lo scalo di Paderno non è ancora sotto le ruspe e i lavori rischiano di slittare dopo Expo 2015. Proprio per l’Esposizione Universale sono arrivati circa 75 milioni per la riqualificazione della ferrovia Milano-Asso una delle più obsolete della rete, e già in passato è stato stanziato fondo (di cui 6,9 milioni per Paderno) per l’adeguamento a standard della stazione di Via IV Novembre. Tale ammodernamento prevede: il rialzo delle banchine con aggiunta delle pensiline, la realizzazione di due sottopassi pedonali e la costruzione di un terzo binario.
Attualmente è in corso la gara d’appalto per individuare l’impresa che aggiudicherà il cantiere, ma il tempo che passa dall’assegnazione all’inizio effettivo dei lavori raggiungerà la data di Expo che impone lo stop di sei mesi per ogni lavoro. In questo modo, i lavori dovrebbero iniziare per la fine del 2015, anche se vi è la certezza di non perdere i finanziamenti.

Metrotranvia Milano Desio Seregno PADERNO7ONAIRUna situazione simile riguarda la riqualificazione della metrotranvia Milano-Seregno i cui lavori dovrebbero essere già partiti da tempo. In questa settimana i tecnici della ormai ex-Provincia di Milano, insieme all’impresa appaltatrice e i referenti dei comuni, dovrebbero riunirsi per parlare della questione relativa ai sottoservizi, ovvero tubature, cavi o linee del gas che passano sotto le rotaie della tranvia, fuori servizio da più di tre anni. Entro fine mese i rappresentati comunali dovrebbero incontrare l’Assessore provinciale ai trasporti per decidere la data effettiva dell’inizio del lavori, che è prevista per l’inizio del 2015 e che proseguiranno durante i sei mesi della kermesse in quanto non crea interruzioni con il trasporto pubblico locale.

Tram Milano-Limbiate, Cassina Amata www.paderno7onair.itInvece, per quanto riguarda l’altra metrotranvia, la Milano-Limbiate, si rischia ancora una volta di perdere il finanziamento statale di 60 milioni di euro.
Il cambio istituzionale da Provincia a Città Metropolitana non ha fatto altro che prolungare i tempi. A ciò si aggiunge il mancato finanziamento da parte della Provincia di Monza e Brianza e del Comune di Varedo e la continua “minaccia” da parte dell’Ustif di chiudere la linea per mancanza di sicurezza.
Lo scorso 29 Settembre durante il Consiglio Comunale era stato presentato da Efrem Maestri un ordine del giorno sulla riqualificazione della Milano – Limbiate, ma è stato ritirato per essere riformulato meglio e condiviso in commissione capigruppo nella prossima seduta.

 

Lascia un Commento

(*) Obbligatorio, il tuo indirizzo Email non viene mostrato

Immagine CAPTCHA
*