LA TESTA NEL PAIOLO, LE RICETTE: “AMORPOLENTA”. DALLA LOMBARDIA CON DOLCEZZA

, , 1 Commento

LogoNeroQualcuno lo conoscerà forse sotto il nome di “dolce di Varese”, dato che è proprio da lì che arriva questo particolare dolce; sì, per chi ancora non l’avesse capito, l’amorpolenta è una torta e il nome non è di mia invenzione, ma rientra nelle ricette della tradizione lombarda. Segni particolari: farina di mais nell’impasto e tipica forma allungata con scanalature. Io purtroppo non dispongo del tipico stampo da amorpolenta ma uno stampo da plum-cake mi pare un valido sostituto. Ho provato a cercare sul web una papabile “ricetta originale” ma, non essendo arrivata a un dunque, ho preso delle decisioni personali, ossia: utilizzo di farina di mandorle – che non sempre rientra tra gli ingredienti - e del lievito per dolci; su quest’ultimo punto c’è chi dice che dovrebbe bastare la montata che si da all’impasto per fare sì che lieviti ma, non essendo io una pasticciera di professione, ho preferito avvalermi di un aiutino. Importante è utilizzare una farina di mais piuttosto fine (tipo fioretto), altrimenti diventa veramente difficile lavorare il tutto e si rischierebbe di ottenere un dolce eccessivamente rustico e granuloso. La preparazione dell’amorpolenta richiede pochi, semplici passaggi e poco tempo di preparazione; in genere, viene servita con una spolverata di zucchero a velo.

Ingredienti    

Amorpolenta2

100g di farina di mais fioretto
100g di burro
60g di mandorle pelate (o farina di mandorle)
60g di amido di mais
60g di zucchero semolato
60g di zucchero a velo
2 uova
mezza bustina di lievito per dolci

Esecuzione


Amorpolenta11.
Se partite dalle mandorle intere, dovrete innanzitutto tritarle fino a ridurle in polvere. In questo passaggio potete aggiungere anche la farina di mais, così da renderla ulteriormente fine, ma questo passaggio è facoltativo;
2. Lavorate il burro ammorbidito con lo zucchero semolato e lo zucchero a velo; utilizzate le fruste elettriche o l’impastatore perché dovete ottenere una sorta di crema, un impasto morbido e omogeneo;
3. Aggiungete le uova e continuate a montare; quando le uova saranno bene amalgamate, aggiungete le polveri (farina di mais, farina di mandorle e amido di mais) e incorporatele con un mestolo al composto, delicatamente;
4. Trasferite il composto ottenuto in uno stampo da plum-cake e cuocete in forno preriscaldato a 180°C per circa 40 minuti.

— Se vuoi conoscere tutte le altre ricette de “La testa nel paiolo” e scoprire cosa ti consiglia Irene, clicca qui oppure vai nella stessa categoria nella barra destra del blog —

 

Una Risposta

Lascia un Commento

(*) Obbligatorio, il tuo indirizzo Email non viene mostrato

Immagine CAPTCHA
*