LA TESTA NEL PAIOLO, LE RICETTE: “FUSILLI INTEGRALI AL PESTO DI CAVOLO NERO”. PRIMO PIATTO DAL SAPORE RUSTICO

, , Lascia un commento

LogoNero2-nuovoI toscani DOC lo conosceranno certamente per la ribollita, ma il cavolo nero si presta davvero a una grande varietà di preparazioni; appartenente alla famiglia delle Brasicacee, ripetutamente citate qui ne “La Testa nel Paiolo” per le loro proprietà antiossidanti, è più versatile in cucina rispetto ai suoi parenti stretti (cavolfiori, broccoli…) in quanto si presenta in foglie. I cavoli, ormai è appurato, sono ottimi alleati nella prevenzione di diversi tumori, tra cui quello al colon e all’intestino proprio grazie alla promozione del movimento intestinale. Un grande vantaggio che si trae dal cavolo nero è che può essere consumato anche crudo – un po’ come i crauti, per intenderci -, e ciò consente di preservare il più possibile le elevate quantità di vitamina C che contiene (120 mg/100 g).

Per preparare questo pesto ho sbollentato i cavoli in pochissima acqua per pochi minuti, giusto il tempo per ammorbidire le foglie; ci vuole pochissimo tempo ma il piatto che ne risulta è davvero speciale, dal sapore molto deciso e rustico e, soprattutto, un piatto pieno di salute! Il pesto di cavolo nero può essere usato non solo come condimento per i primi piatti ma anche per le bruschette o nelle insalate di legumi, proprio come il pesto alla genovese.

Ingredienti

350 g di fusilli integrali
1 mazzetto di cavolo nero (circa 150 g)
2 pomodori secchi o sott’olio
40 g di anacardi
5 cucchiai di ceci (anche quelli in scatola)
1 spicchio di aglio
olio e.v.o. q.b.
sale q.b.

Esecuzione

pasta cavolo nero1. Lavate accuratamente le foglie del cavolo nero e mondatele togliendo la parte centrale dove risultasse particolarmente coriacea. Tagliate le foglie a strisce grossolane e fatele sbollentare in poca acqua leggermente salata per circa 10 minuti;
2. Scolate il cavolo cotto con una schiumarola e tenetelo da parte; allungate l’acqua di cottura del cavolo con dell’altra acqua e portate a bollore (è qui che cuocerete la pasta);
3. Passate al mixer il cavolo nero con gli anacardi, i pomodori secchi, lo spicchio di aglio schiacciato e olio e.v.o. fino a rendere il pesto della consistenza desiderata. In caso risultasse poco liquido, aggiungete dell’acqua di cottura;
4. Cuocete i fusilli e conditeli con il pesto; finite con una manciata di ceci.

— Se vuoi conoscere tutte le altre ricette de “La testa nel paiolo” e scoprire cosa ti consiglia Irene, clicca qui oppure vai nella stessa categoria nella barra destra del blog —

 

Lascia un Commento

(*) Obbligatorio, il tuo indirizzo Email non viene mostrato

Immagine CAPTCHA
*