L’ANGOLO DEI VIDEOGIOCHI: OKAMI HD

, , Lascia un commento

Okami HDONCE UPON A TIME: STORIA DEL GIOCO
Anno 2007. Erano gli ultimi mesi di vita della famosissima e amatissima PlayStation 2 quando il 9 Febbraio uscì Okami, un titolo tanto fuori dal comune quanto sconosciuto. Sebbene il gioco introducesse meccaniche totalmente nuove, passò inosservato e non ci volle molto tempo prima che fosse dimenticato dal popolo di Sony. Se lo ricordarono bene, invece, gli amici di Clever Studio che, dopo un anno, decisero di rilanciare il loro diamante, ancora grezzo, per il definitivo salto di qualità, questa volta su Wii.

È infatti il 1 Giugno 2008 quando, finalmente, quest’opera videoludica (perché di questo si può sicuramente parlare) vede la luce una seconda volta sulla nuova console della Nintendo, questa volta grazie all’aiuto di Capcom. Finalmente Okami riceve, in pochissimo tempo, il successo che merita(va), anche grazie al suo level design fuori dal comune e dal gameplay fluido ma comunque duro da apprendere, soprattutto per chi è alle prime armi; in particolar modo, le sezioni di disegno con il Celestial Brush (di cui parleremo meglio dopo) che, con il controller del Wii, rendevano alla grande.

Passano ancora cinque da allora e, dopo piccoli spin-off, ecco che la grande dea lupo Amaterasu non si fa attendere per un suo grande ritorno, questa volta su PlayStation 3 ma soprattutto in HD! Il 31 Ottobre 2012 arriva nei negozi (giapponesi) l’atteso ritorno del lupo-dio e del suo fido compagno di avventure. Successivamente, nell’Aprile 2013, Sony proporrà il titolo come “gioco del mese PlayStation Plus”, rendendolo scaricabile, per tutta la durata del mese, gratis dal PS Store per gli abbonati al servizio online PlayStation Plus del PlayStation Network.

LA LEGGENDA DI NAGI E SHIRANUI: TRAMA, GAMEPLAY, GRAFICA
Okami HD 2
Giappone, Medioevo: Shiranui, lupo bianco, e Nagi, spadaccino, sconfiggono il demone Orochi che minaccia il piccolo villaggio Kamiki. Shiranui viene, però, ferito in battaglia e muore poco dopo. Circa un secolo dopo, Orochi torna a causa di Susano, discendente di Nagi, che lo libera senza volerlo. L’unica che può risolvere la situazione è Amaterasu, dea del Sole e reincarnazione di Shiranui: invocata dallo Spirito della foresta e guardiano del villaggio Kamiki, Amaterasu sarà accompagnata dall’artista Issun. La leggenda vivrà di nuovo nel momento in cui saranno lei e Susano a dover sconfiggere Orochi, ma questa volta se la dovranno vedere anche con Yami, ultimo demone ancora in grado di controllare gli spiriti demoniaci presenti sulla Terra.

Il gameplay è simile a quello di ogni gioco di categoria Action che si rispetti: c’è il solito salto, due tipi di attacco, uno con l’arma primaria e un con quella secondaria; avanzando di livello sarà poi possibile potenziarle o aggiungerne delle altre apprendendole dai vari dojo posti in giro per “Nippon”. Sarà inoltre possibile potenziare il salto, imparare la schivata o aumentare il numero di colpi con una determinata arma.
Anche Amaterasu acquisterà potenza in “vita”, “inchiostro”, “stomaco” e “portafogli”, questa volta direttamente utilizzando le “preghiere” raccolte attraverso “opere di bene” (che consistono in dare da mangiare agli animali oppure far rifiorire degli alberi).

Okami HD 1Le armi sono varie e divise in tre gruppi da cinque: le spade, i rosari e i riflettori. Ognuna possiede uno stile di combattimento particolare e ognuna può combinarsi a un’altra con una serie di combo effettuabili attraverso i tasti appositi. Altri pezzi di equipaggiamento sono ravvisabili nelle steli che permettono, ad esempio, di poter nuotare nella lava. Ma la vera novità è rappresentabile dalle sezioni di painting durante le quali la schermata diventa un quadro su cui è possibile disegnare simboli che corrispondono alle tredici abilità di Amaterasu: una volta trovato un particolare spirito, sarà poi possibile creare del vento, far sorgere il Sole o la Luna, far fiorire alberi. Ognuna di queste abilità, inoltre, ha uno spirito protettore che potrà essere incontrato avanzando nel gioco, risvegliandoli aggiungendo stelle e, quindi, completando la costellazione che li rappresenta.

Altra particolarità del titolo è la grafica: lo stile è quello di un antico dipinto nipponico con colori caldi dalle tinte accese e vive; il tutto è accompagnato da una colonna sonora fenomenale, anch’essa ricalcante uno stile orientale.

TI CONSIGLIAMO DI GIOCARCI?
Direi proprio di sì! Okami è un imperativo categorico videoludico, un titolo che si deve assolutamente avere.

HO PARLATO DI: Okami, Capcom
DISPONIBILITÀ: PlayStation 2, PlayStation 3, Nintendo Wii.

 

Lascia un Commento

(*) Obbligatorio, il tuo indirizzo Email non viene mostrato

Immagine CAPTCHA
*