MOSCHEA ABUSIVA A PADERNO DUGNANO: FERMATI I LAVORI NON AUTORIZZATI

, , Lascia un commento

Polizia Locale (www.paderno7onair.it)Dopo la notizia, data nelle scorse ore, della scoperta di lavori non autorizzati atti a realizzare una moschea, riportiamo il comunicato stampa dell’Amministrazione Comunale che fa chiarezza sulla vicenda e fornisce ulteriori approfondimenti.

Stavano attrezzando un seminterrato in via Derna come un vero e proprio spazio idoneo ad ospitare ‘servizi religiosi’. Nel corso di un sopralluogo gli agenti della Polizia Locale hanno infatti accertato la realizzazione di opere edili, nuovi impianti idrici ed elettrici e la formazione di un ‘pulpito’ su un grande spazio aperto. Agli agenti è stato anche mostrato un elaborato grafico in cui era evidenziata la realizzazione di una stanza identificata come “camera Imam”. Tutti interventi che, tra l’altro, non erano stati preventivamente comunicati al Comune e che avrebbero trasformato un locale/magazzino in uno spazio di interesse religioso e quindi di culto. Un abuso che il Comune ha bloccato tempestivamente la scorsa settimana notificando alla proprietà dell’immobile e ai rappresentanti dell’associazione culturale che stava eseguendo i lavori, un’ordinanza con cui ha intimato la sospensione immediata delle opere e il ripristino dello stato dei luoghi entro novanta giorni. La Polizia Locale, nel corso del sopralluogo, ha raccolto numerosi elementi che fanno ipotizzare che in quel seminterrato si stesse realizzando uno spazio configurabile, a lavori conclusi, come una moschea per la quale era stata anche sponsorizzata una specifica raccolta fondi con un cartello in lingua araba che indicava l’iban dedicato.
Siamo intervenuti tempestivamente nonostante i lavori fossero stati avviati in pieno agosto – commenta il Sindaco Marco Alparone –. Abbiamo fermato ogni intervento nel rispetto della norma regionale che prevede un apposito piano sui luoghi di culto. Il rispetto della legge vale per tutti ed è un principio fondamentale per il buon funzionamento della comunità”.

 

Lascia un Commento

(*) Obbligatorio, il tuo indirizzo Email non viene mostrato

Immagine CAPTCHA
*