‘NDRANGHETA A PADERNO, IL COMUNE AMMESSO COME PARTE CIVILE NEL PROCESSO ‘INFINITO’. L’AMMINISTRAZIONE: “TUTELIAMO LA LEGALITA’ E LA CIVILTA’ DELLA CITTA’”

, , Lascia un commento

Summit mafioso al Falcone e Borsellino (www.paderno7onair.it)Il Tribunale di Milano ha ammesso finalmente la costituzione di parte civile del Comune di Paderno Dugnano nel processo col rito abbreviato a carico di 119 imputati coinvolti nella maxi-operazione “Infinito” (qui la famosa ordinanza). Il Giudice ha contestualmente rigettato la richiesta di estromettere l’Amministrazione Comunale padernese avanzata da alcuni legali degli imputati.

E’ una notizia che accogliamo con grande soddisfazione - sono le parole dell’Amministrazione comunale - Non abbiamo mai avuto dubbi sul percorso che volevamo intraprendere a tutela dell’immagine di legalità e civiltà di Paderno Dugnano dopo che l’inchiesta della Magistratura ha fatto emergere quanto era successo all’interno del nostro centro comunale ‘Falcone e Borsellino’. Abbiamo atteso le valutazioni dei legali che hanno individuato i presupposti giuridici per essere parte di questo processo.”

CONTINUA DOPO IL SALTO

“In ogni caso non ci sarà mai un risarcimento in grado di ripagare il danno che la nostra comunità ha subito e continua a subire ogni volta che appare sui giornali l’immagine del summit di mafia. Questa Amministrazione rappresenta e si riconosce in tutti i cittadini che ogni giorno fanno una scelta di legalità e non in coloro che hanno dimostrato di non amare la nostra Paderno Dugnano”.

— Per conoscere tutte le notizie, foto e video di Paderno 7.0 sull’Ndrangheta a Paderno, e la serata del 31 ottobre 2009 al centro Falcone e Borsellino, clikka qui oppure sul tag omonimo alla fine di ogni articolo correlato —

 

Lascia un Commento

(*) Obbligatorio, il tuo indirizzo Email non viene mostrato

Immagine CAPTCHA
*