PADCONSUM APPROFONDIMENTI: TRUFFA ON-LINE A NOME DELLA POLIZIA POSTALE.

, , Lascia un commento

VIRUSLe truffe online non finiscono mai: L’ultimo caso è quello di un virus che blocca il computer attraverso una finestra in cui si avvisa l’utente, sotto le mentite spoglie della Polizia Postale, che ha commesso una serie di atti illeciti e se si vuole sbloccare il suo pc deve pagare 100 euro.  Nell’avviso si fa riferimento alle varie sanzioni che si rischiano (fino a 250.000 euro) e al procedimento penale che sta per essere aperto sul proprio conto. Sembra quasi un arresto imminente, ma poi, in basso a destra appare una scritta “salvifica” che recita più o meno così: “per il ripristino del proprio sistema operativo entro le 72 ore si può procedere al pagamento di una multa di 100 euro, da espletare per via elettronica ” e c’è un link su cui cliccare.

A questo punto un attento utente della rete dovrebbe accorgersi che si tratta di una truffa poiché la richiesta di un pagamento di 100 euro, in questi termini, non ha alcun fondamento giuridico né informatico. Ma se l’utente non è attento o si fa prendere dal panico? In questi casi non bisogna agire di impulso.

Basta, infatti, una semplice ricerca online per scoprire che la cosa ha interessato già parecchie persone e che l’avviso, sotto le mentite spoglie della Polizia Postale, è assolutamente falso poiché si tratta di un virus. E c’è addirittura chi ha già la soluzione: sarebbe disponibile in rete un kit chiamato “combofix” che bisogna installare sul proprio pc. Eseguendo una successiva scansione si dovrebbe eliminare il “simpatico” amico.

(FONTE HELPCONSUMATORI)

 

Lascia un Commento

(*) Obbligatorio, il tuo indirizzo Email non viene mostrato

Immagine CAPTCHA
*