PCP: PADERNO COMIX POST. “SAINT SEIYA – I CAVALIERI DELLO ZODIACO”, ULTIMO CAPITOLO: EPISODE G, LOST CANVAS, NEXT DIMENSION. IL FUTURO DELLA SERIE

, , Lascia un commento

Saint Seiya Episode G PADERNO7ONAIRSaint Seiya Next Dimension PADERNO7ONAIRSaint Seiya Lost Canvas PADERNO7ONAIR


CAPITOLO PRECEDENTE: SAINT SEIYA – I MYTH CLOTH
PCP, la rubrica di Paderno Comix (Seconda edizione – Fiera il 16/17 giugno 2012)!

OGGI ULTIMO CAPITOLO DEL REPORTAGE del nostro esperto MATTEO NOTO

Sequel,prequel e spin-off

Quasi in contemporanea con l’inizio della serie OAV fu lanciato anche un nuovo progetto manga di Saint Seiya, intitolato “Saint Seiya Episode G” (dove G sta per Gold), creato da Megumu Okada su soggetto dello stesso Kurumada. La storia, ambientata circa 6 anni prima degli eventi della serie classica, ha per protagonista Aiolia, il giovane cavaliere d’oro del Leone, e tratta della battaglia tra i dodici cavalieri d’oro e i Titani della mitologia greca, capeggiati dal dio del tempo Crono.

Nonostante le ottime premesse la serie non è stata (e tuttora non è) molto apprezzata dai fan, principalmente per due motivi: in primo luogo la trama dell’opera, se messa in continuity con la serie classica presenta diverse incongruenze, prima fra tutte l’eccessiva potenza spesso dimostrata dai cavalieri d’oro (come può essere che dei guerrieri la cui forza ha abbattuto persino delle divinità vengano sconfitti da Seiya e compagni durante la serie classica?); secondariamente il tratto di Okada si dimostra poco adatto ad una serie di tal levatura, presentando scene di combattimento spesso confusionarie e personaggi alquanto effeminati rispetto alla serie classica. Il manga, giunto in patria a 19 volumi, verrà presto terminato dopo una lunga pausa durata due anni.

Nel 2006 videro la luce altre due nuove serie manga di Saint Seiya: “Saint Seiya the Lost Canvas”, creato sulla base di un’idea di Kurumada dalla bravissima Shiori Teshirogi, e “Saint Seiya Next Dimension”, interamente realizzato dallo stesso Kurumada. Entrambe le opere trattano della guerra santa contro Ade combattuta 243 anni prima degli eventi della serie classica, e hanno per protagonisti Tenma, il cavaliere di Pegaso del 1743, e Aron (o Alone), miglior amico di Tenma e incarnazione di Ade in quell’epoca.

DOPO IL SALTO, LE ALTRE SERIE ED IL FILM

Sebbene inizialmente le due opere avrebbero dovuto essere la stessa storia narrata da due punti di vista differenti, ben presto il “Next Dimension” prese una piega totalmente diversa: nell’opera di Kurumada infatti gli eventi della serie classica si mescolano con quelli del 1743, con Saori e Shun che, con l’aiuto di Crono, viaggiano indietro nel tempo fino a quell’epoca per fermare il ciclo delle reincarnazioni di Ade ed evitare così che Seiya debba scontrarsi con lui nel ventesimo secolo rimanendo mortalmente ferito. Così “Next Dimension”, invece che un prequel , finisce per diventare il vero e proprio sequel della serie originale, ed è ormai praticamente certo che, con l’evolversi della trama, quest’opera arriverà a trattare anche la famosa saga di Zeus, tanto agognata dai fan e da Kurumada stesso.

“Lost Canvas” va invece considerato all’interno della continuity della serie come uno “What if ?”, un universo parallelo generato dall’intromissione di Cairos, il diabolico fratello perduto di Crono. La pubblicazione di “Lost Canvas” è proseguita a cadenza settimanale per circa 5 anni, concludendosi l’anno scorso con il volume 25; tuttavia, visto l’enorme (e meritatissimo) successo dell’opera, l’autrice sta attualmente pubblicando una serie di storie brevi chiamate “Anecdotes” (note anche come “Lost Canvas Gaiden”) riguardanti le avventure dei cavalieri d’oro del 1743. Sono state inoltre tratte dalla serie due serie di OAV, e una terza è in lavorazione. “Next Dimension” invece prosegue molto lentamente con cadenza irregolare, e in sei anni sono stati pubblicati in patria appena quattro volumi, seppur totalmente a colori.

Saint Seiya il probabile Film PADERNO7ONAIRIl Futuro

La serie ha festeggiato il suo venticinquesimo anniversario circa un anno fa e in onore di questo importante traguardo sono state lanciate numerose iniziative riguardanti Saint Seiya: la più interessante è probabilmente un film totalmente in computer grafic ad opera di Toei Animation sul quale attualmente non si sa quasi nulla.

Un altro progetto degno di nota è “Saint Seiya: Sanctuary Battle”, il primo videogioco di Saint Seiya per console ad alta definizione (esclusiva Playstation 3); per celebrare l’evento Bandai ha realizzato come contenuto bonus per l’edizione limitata del gioco un Myth Cloth speciale con soggetto Seiya V1 in versione dorata. Il gioco è stato rilasciato in Europa il 16 marzo di quest’anno.

Non solo. E’ partita dai primi di aprile la nuova serie inedita di Saint Seiya OMEGA a decenni di distanza. Clikka qui per saperne di più nel nostro speciale.

— Vuoi conoscere Paderno Comix – La Fiera del Fumetto del Nord Milano 16/17 giugno 2012? Clikka qui

 

Lascia un Commento

(*) Obbligatorio, il tuo indirizzo Email non viene mostrato

Immagine CAPTCHA
*