R&P, COMUNICATO STAMPA DEL PD: “CONTRO TUTTE LE MAFIE”

, , Lascia un commento

Centro Falcone e Borsellino 31 ottobre 09, i boss coprono le finestre (www.paderno7onair.it)Qualche giorno fa vi abbiamo riportato le dichiarazioni dell’Amministrazione comunale riguardo la recente sentenza sulla maxi inchiesta “Infinito” che dà ragione al Comune di Paderno Dugnano quale parte civile del processo. L’indagine riguarda le infiltrazioni della ‘ndrangheta in Lombardia e vede al centro del processo l’ormai famoso video del 31 ottobre 2009 ripreso dalle forze dell’ordine, quando nel Centro Comunale Falcone e Borsellino di Paderno si riunì un summit mafioso per eleggere il superboss della Lombardia. Arriva a distanza anche il comunicato stampa del PD, che noi riceviamo e pubblichiamo. A breve approfondiremo la vicenda.

Contro tutte le mafie

Paderno Dugnano, 26 novembre 2011 – Il lavoro della Magistratura e delle Forze dell’ordine pone un primo punto fermo sull’indagine denominata “Infinito” con centodieci condanne e con pene che arrivano, in primo grado, fino a sedici anni di reclusione e colpisce duramente le ‘ndrine del Nord.
Ma questa vittoria dello Stato è solo un piccolo passo se non siamo tutti pienamente consapevoli del suo significato. Chi ha sostenuto che la mafia al nord non esiste farebbe bene a ricredersi ma anche chi pensa che, visto che la Magistratura ha dimostrato di poter colpire i criminali, il problema sia risolto sbaglia, drammaticamente, a comprendere la situazione.
Il ringraziamento alla Magistratura ed alle Forze dell’ordine è dovuto e la loro opera essenziale ma non può essere l’unica soluzione al problema, perché può agire solo dopo; dopo che ci sono state le infiltrazioni, dopo che sono stati commessi i crimini, dopo che delle persone hanno pagato, in vari modi a volte con la stessa vita, la presenza dei criminali nel proprio tessuto sociale.

CONTINUA DOPO IL SALTO


Alla società civile, al sistema economico ed alla pubblica amministrazione è richiesta attenzione, trasparenza, informazione e la consapevolezza che solo un tessuto sano, ed il rifiuto della logica del profitto sopra ogni cosa, può contrastare le infiltrazioni.
Non basta colpire bisogna anche spiegare, spiegare alle persone che le mafie si insinuano non solo dove ci sono interessi, dove si pensa di poter aggirare le regole, dove si accetta la prevaricazione ma anche dove manca la trasparenza, dove manca il confronto leale, dove manca il rispetto per i diritti degli altri. Il riconoscimento del diritto alla costituzione parte civile per il nostro Comune e la recente firma del Protocollo Antimafia sono azioni positive ma non sufficienti, bisogna fare di più, bisogna coinvolgere tutti.
Continuiamo a sostenere, anche con i fatti, che soltanto uniti si vince; istituzioni, “forze sane” della società civile, cittadini, per costruire un clima e un’azione di solidarietà e di iniziativa sociale, culturale e politica che veda tutti impegnati contro le infiltrazioni criminali.
Costituiamo tutti insieme la “rete della legalità”, informiamo e coinvolgiamo i cittadini, promuoviamo le buone prassi antimafia, manteniamo un livello di formazione continua a partire dalla scuole fino alla pubblica amministrazione per il rispetto delle regole e mantenere alta l’attenzione.
Si è vinta una battaglia, non dimentichiamoci mai che continua ad essere in corso una guerra.

Oscar Figus
Coordinatore cittadino
Partito Democratico
Paderno Dugnano

 

Lascia un Commento

(*) Obbligatorio, il tuo indirizzo Email non viene mostrato

Immagine CAPTCHA
*