“SGUARDI URBANI”: NEXUS, UN CORRIDOIO ECOLOGICO TRA IL PARCO DELLE GROANE E DELLA VALLE DEL LAMBRO, PASSANDO PER PADERNO

, , Lascia un commento

nexus«È l’ultima possibilità per una connessione ecologica. Adesso o mai più». Questa è la sfida che lancia Nexus, un progetto che riguarda direttamente anche il nostro Comune.
Innanzitutto, per chi non sapesse cosa sono i corridoi ecologici, si tratta di «quelle fasce di territorio che, presentando una continuità territoriale, sono in grado di collegare ambienti naturali diversificati fra di loro, agevolando lo spostamento della fauna» (art. 58 PTCP Milano); possiamo parlare quindi di “infrastrutture” verdi dove poter garantire la biodiversità.

L’obiettivo di Nexus è proprio quello di realizzare un corridoio ecologico che collega i Parchi Regionali delle Groane e della Valle del Lambro, attraversando un territorio densamente popolato e urbanizzato con un elevato consumo di suolo. Oltre a Paderno Dugnano, i comuni attraversati sono: Albiate, Bollate, Bovisio Masciago, Carate Brianza, Cesano Maderno, Cinisello Balsamo, Cormano, Cusano Milanino, Desio, Lissone, Macherio, Nova Milanese, Senago, Seregno, Sovico e Varedo.
Il progetto è stato realizzato dai Comuni di Desio (capofila), Bovisio Masciago e Sovico, dal Parco della Valle del Lambro, da Legambiente Lombardia e dall’Agenzia Innova21 grazie a un finanziamento proveniente da un bando della Fondazione Cariplo.

Tale corridoio è stato individuato nella RER (Rete Ecologica Regionale)e per la sua realizzazione sono previsti due anni di lavoro: fino a Dicembre 2015 si individueranno gli intereventi da proporre alle Amministrazioni e le aree da tutelare; questo interfacciarsi con i Comuni dovrà produrre alla fine l’individuazione di uno strumento non giuridico di accordo tra gli stessi.

nexus 2Attualmente sono state redatte la relazione urbanistica e naturalistica e soffermandoci sulla prima, a cura del consorzio Poliedra del Politecnico di Milano, il lavoro è stato svolto in tre fasi: definizione dell’area, analisi degli spazi aperti in progetto e analisi paesaggistica.
Per la prima sono stati letti i PGT dei Comuni e le schede di ogni ambito di trasformazione ai margini del corridoio in progetto. Lo scopo non è quello di entrare nella pianificazione comunale, ma far capire come il consumo di suolo possa pregiudicare il territorio.
Per la seconda sono stati analizzati in dettaglio i progetti in corso che interessano il territorio di Nexus, in particolare: gli ambiti di compensazione della Pedemontana, le vasche di laminazione e i progetti del Parco del Grugnotorto e della Valle del Lambro.
Per la terza i parchi e giardini ai margini dell’urbanizzato costituiscono una potenzialità, ma è difficile attribuire un’immagine del paesaggio che ci circonda, in quanto complesso e disarticolato. «Il nostro paesaggio – spiega l’arch. Christian Novak – è come un mare che ha al suo interno isole come paesi, scogli come edifici isolati, penisole come infrastrutture e insenature come punti di raccordo tra centri urbani e spazi verdi».

Nonostante l’alto tasso di urbanizzazione c’è ancora molto spazio aperto, il cui interno può essere contraddistinto da: elementi potenziali, come orti sia privati che pubblici; da usi impropri come magazzini o capannoni; da spazi in attesa o temporanei, come i campi agricoli in un ambito di trasformazione o le aree espropriate. Relativamente all’agricoltura, è stato puntualizzato che è molto semplificata ed è a rischio di impoverimento e desertificazione.

Per quanto riguarda la relazione naturalistica, a cura della dott.sa Mariella Nicastro del Parco della Valle del Lambro, è stata svolta un’analisi forestale che ha riguardato lo studio dei filari – importanti per lo spostamento della fauna -, degli elementi arborei e arbustivi e dei boschi.
Infine Legambiente Lombardia, occupandosi della parte relativa alla comunicazione e partecipazione, ha realizzato una crowdmap, ovvero una piattaforma condivisa su web dove tutti i cittadini possono segnalare le criticità e potenzialità del territorio che attraversa Nexus.

Per sapere di più riguardo al progetto e dare ulteriori segnalazioni, il 30 Maggio è in programma una biciclettata che attraverserà tutti i punti di Nexus. Un’occasione per conoscere da vicino il futuro corridoio e noi vi terremo aggiornati sugli ulteriori sviluppi.

 

Lascia un Commento

(*) Obbligatorio, il tuo indirizzo Email non viene mostrato

Immagine CAPTCHA
*