Taggato da R come Rompiscatole

rompiscatole

“R COME ROMPISCATOLE”: CATTIVA MAESTRA SINISTRA

, , 5 Commenti

Negli scorsi giorni alcuni blog locali hanno attaccato il centrodestra sul tema dei manifesti abusivi. Materia della polemica: manifesti strappati di cui si dà la colpa a militanti di centrodestra, ma senza testimonianze certe su questo (il fatto che manifesti di sinistra siano strappati non significa automaticamente che siano stati strappati dal centrodestra). Un caso concreto riguarda invece manifesti di Lupi del Nuovo Centro Destra. Se ci si fermasse qui, ci si dovrebbe limitare a dare ragione a quei blog: anch’io ho visto irregolarità fatte da partiti che sostengono Alparone. Poi però arriva una cosa molto più sottile: cioè l’idea…

Continua a leggere →

tombaebrea

“R COME ROMPISCATOLE”: EBREI E SINISTRA PER PADERNO

, , 9 Commenti

Le democratiche dita medie di questa democratica ragazza non sono rivolte al Duomo, ma alla Bandiera di quei cattivoni che hanno voluto ricordare la Brigata Ebraica il 25 Aprile scorso a Milano. Cattivoni di cui, da buon Rompiscatole, facevo parte (anche se sono passato più tardi). «La Brigata ebraica (Jewish Infantry brigade Group) fu una formazione militare alleata, inquadrata nell’esercito britannico, che operò durante la seconda guerra mondiale» (Fonte: Wikipedia) composta da ebrei dei territori oggi Stato d’Israele a cui si aggiunsero ebrei di altri stati del Commonwealth. In sostanza combattevano il nazismo e diedero un contributo alla sua sconfitta….

Continua a leggere →

futuro2

“R COME ROMPISCATOLE”: ANCORA SUI GIOVANI COME I NUOVI ROM

, , 2 Commenti

Questa settimana cedo il posto a una lettera aperta mandata dal futuro consigliere comunale del PD Efrem Maestri in risposta a un mio post: l’ha pubblicata sul suo blog, ma avrà più visibilità qui. E la visibilità la merita perché Maestri è in grado di leggere quello che scrivo e rispondere sul tema anche con approfondimenti culturali non banali. Inoltre, un futuro consigliere comunale che si prende la briga di rispondere a una serie di “provocazioni” (nel senso di frasi forti volte a far nascere un dibattito su argomenti disertati dalla politica) merita la stima di tutti. Voglio inoltre ricordare…

Continua a leggere →

rompiscatole

“R COME ROMPISCATOLE”: L’EFFETTO CANIATO E LA LISTA BRONTOLO

, , 67 Commenti

Quando nel ’53 Stalin, dopo essersi addormentato non dava segni di vita, i suoi collaboratori si resero conto di avere due possibilità: chiamare i medici per salvarlo e rischiare che risvegliandosi li avrebbe mandati a morte (come faceva da decenni con chi semplicemente non gli andava a genio), oppure divenire complici della sua morte rischiando la loro esecuzione per tradimento. Non sapendo che pesci prendere chiamarono Beria. Il capo dei servizi segreti si limitò a dire con la stessa freddezza burocratica con cui mandava a morte chi non andava a genio al leader sovietico: «Perché vi siete fatti prendere dal panico?…

Continua a leggere →

rompiscatole

“R COME ROMPISCATOLE”: IL TENTATO SUICIDIO DEL CENTROSINISTRA PADERNESE

, , 4 Commenti

Stanchezza e disillusione. Questo è quello che vedo negli esponenti del centrodestra padernese e quello che voci di corridoio mi confermano. Una coalizione che non ho votato – ma, oggettivamente, mi pare avesse solo una persona nella sua giunta che aveva già fatto l’assessore (Di Maio) – ha visto infrangersi i sogni di “voltare pagina” con la dura realtà di un patto di stabilità mai tanto duro, in una crisi come da decenni non se ne vedevano. E con una macchina comunale che probabilmente è andata fuori controllo. Ecco perché il ritornello nelle discussioni con esponenti della giunta è «Non…

Continua a leggere →

rompiscatole

“R COME ROMPISCATOLE”: I GIOVANI OVVERO I NUOVI ROM DELLA POLITICA

, , 7 Commenti

Cetto La Qualunque e i giovani Un giorno come tanti fra quelli a cavallo fra la fine degli anni Ottanta e l’inizio dei Novanta, i giovani sono diventati una minoranza in questo paese. In tutta la sua storia italiana, da quanto ne so, non era mai successo: nei periodi di povertà e carestie i vecchi morivano prima, nei periodi di abbondanza si figliava di più. Se ne accorse, forse per primo, un giornalista di Cuore, il giornale satirico nato in quegli anni da una costola dell’Unità che in un bell’articolo spiegò così certi atteggiamenti contro i giovani. Quando lessi quell’articolo…

Continua a leggere →