TASI, IL COMUNE DI CINISELLO BALSAMO FA RETROMARCIA: DALL’ANNO PROSSIMO GRAVERÀ SUL PORTAFOGLI DEI CINISELLESI

, , Lascia un commento

tasse imposte canoni PADERNO7ONAIRLa notizia è arrivata ieri, inaspettata, come un perfetto coupe de théâtre: contrariamente a quanto inizialmente annunciato quest’Estate, il Comune di Cinisello Balsamo dall’anno prossimo introdurrà la tanto discussa TASI.

Le basi su cui l’attuale giunta aveva in parte fondato il suo successo in campagna elettorale vengono così annichilite per una ragione precisa, la stessa che aveva portato ai massimi livelli di percentuale dell’IRPEF: ben 4,8 milioni di euro di buco nel bilancio comunale.
Decisamente un colpo di scena soprattutto per i cittadini cinisellesi che si ritroveranno a mettere mano al portafogli anche per una TASI di cui non si conosce ancora la percentuale ma che, secondo alcune previsioni, non dovrebbe discostarsi troppo da quelle delle vicine Bresso, Sesto San Giovanni e Cormano.

Paderno Dugnano resta così sola in questa “battaglia”. Perché, in fondo, di una battaglia si tratta: continuare a erogare servizi per il cittadino, ammodernare le strutture, limitare i danni e gli svantaggi di una tassazione folle da parte di uno Stato che prende, ma continuare a tenere bloccati i soldi che servirebbero, facendo annaspare anche i Comuni più virtuosi.

Una situazione difficile a cui faceva cenno anche il Sindaco Marco Alparone durante la discussione, in Consiglio Comunale, delle variazioni di assestamento al bilancio di previsione dell’anno 2014: «Per quanto tempo ancora non lo sappiamo - afferma il primo cittadino - non tutti riescono a tener fede alle promesse, purtroppo comprendo quanto sia complicato fare o non fare certe scelte e non do loro colpa».

 

Lascia un Commento

(*) Obbligatorio, il tuo indirizzo Email non viene mostrato

Immagine CAPTCHA
*