TESTAMENTO BIOLOGICO, SI COMINCIA A PARLARNE IN COMMISSIONE SERVIZI

, , 3 Commenti

firmaÈ da diverso tempo che a Paderno Dugnano si parla di un’eventuale istituzione di un registro per il testamento biologico. Il dibattito era iniziato nell’Estate del 2014 con la raccolta firme per i ‘’Nuovi Diritti’’, promossa da cittadini di diversa provenienza politica e ideologica, che chiedeva al Sindaco di istituire un’assemblea pubblica dove poter discutere di diversi temi legati ai diritti civili, tra cui anche quello della suddetta dichiarazione anticipata di trattamento; l’assemblea è stata accettata e il dibattito è avvenuto in Sala Consiliare il 6 Febbraio 2015. Nei mesi scorsi anche la lista Insieme per Cambiare ha promosso due incontri pubblici relativi al testamento biologico.

Ora la questione passa per le vie istituzionali e il primo passo è l’avvio del dibattito per la ‘’proposta di regolamento per l’istituzione del registro delle dichiarazioni anticipate di volontà per i trattamenti sanitari e approvazione delle modalità operative’’, che si terrà questa sera alle 18.30 durante la Commissione Servizi, aperta al pubblico. Probabilmente la discussione con le forze politiche si sposterà tra i banchi del Consiglio Comunale, ma ancora non si conosce la data.

Ricordiamo che il testamento biologico «l’espressione della volontà da parte di una persona (testatore), fornita in condizioni di lucidità mentale, in merito alle terapie che intende o non intende accettare nell’eventualità in cui dovesse trovarsi nella condizione di incapacità di esprimere il proprio diritto di acconsentire o non acconsentire alle cure proposte (consenso informato) per malattie o lesioni traumatiche cerebrali irreversibili o invalidanti, malattie che costringano a trattamenti permanenti con macchine o sistemi artificiali che impediscano una normale vita di relazione».

 

3 Risposte

  1. avatar Gianni Rubagotti

    10/21/2015, 09:04 pm

    Sono stato in commissione, se volete vi scrivo anche 2 righe: in breve la grande notizia è la disponibilità a votare una mozione per il registro del Presidente leghista Viviani e la mancanza di veti dalla maggioranza di centrodestra (rappresentata da Fossati e Gorla di Paderno Cresce). Sinceramente non me lo aspettavo.
    Viviani fa un ragionamento sensato: chiede una mozione per poi fare un regolamento e ha rivelato che sua madre ha fatto il testamento biologico.
    Poi alzo le braccia per Caniato: che in un clima tranquillo invece di cogliere questa disponibilità ha tirato fuori il fatto che le mozioni sulla bigenitorialità (mia lotta dal luglio scorso su cui lei e il PD non hanno alzato un dito) e quella sulla donazione di organi non vedono ancora un regolamento. Un richiamo pretestuoso perché è vero che il regolamento non c’è ma il PD ha tutti i mezzi per fare lotta politica per ottenerlo (avrebbe potuto fare una interrogazione in merito..dimenticavo, in 13 mesi Caniato non ne ha fatta una) ma se ne è ben guardato. Speriamo che la porta aperta oggi, che non mi aspettavo, rimanga aperta e si apra a Paderno un caso nazionale di un consiglio comunale di centrodestra che lascia passare una mozione per dare ai cittadini il diritto costituzionale di rifiutare le cure che non vogliono quando non sono più coscienti. Ma più che sperare si tratta di fare quel poco che un cittadino può fare: vediamo. Intanto grazia ancora a Viviani, perché anche nella Lega non sono posizioni comode da tenere.

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  2. avatar Gianni Rubagotti

    10/22/2015, 05:28 pm

    Oscar Figus, Massimo Bricchi, io e forse altri intendiamo fare almeno un giorno di sciopero della fame a testa per aiutare a mantenere il clima collaborativo visto ieri sera in commissione contro le tentazioni “partigiane”. Sono dovuto uscire dalla commissione prima che finisse: qualcuno ci puoi dire quali sono i prossimi passaggi della mozione? Un altro giro in commissione? Quando si riunisce di nuovo? Grazie.

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)

Lascia un Commento

(*) Obbligatorio, il tuo indirizzo Email non viene mostrato

Immagine CAPTCHA
*