VASCHE DI LAMINAZIONE, DAL GOVERNO CONFERMA DEI FONDI PER IL PIANO CONTRO IL DISSESTO IDROGEOLOGICO

, , Lascia un commento

Planimetria della vasca di laminazione prevista a Palazzolo (fonte AIPO)

Planimetria della vasca di laminazione prevista a Palazzolo (fonte AIPO)

Sul tema delle vasche di laminazione ci sono novità direttamente da Roma. Il Governo ha firmato gli Accordi di programma quadro con le Regioni e i sindaci per l’assegnazione dei fondi previsti dalla prima parte del Piano contro il dissesto idrogeologico nelle aree metropolitane, approvato con Decreto del Presidente del Consiglio lo scorso 15 Settembre.

In totale le risorse stanziate con la delibera del CIPE ammontano a 654,2 milioni di euro e tale cifra deriva da:
- 450 milioni di euro dal Fondo Sviluppo e Coesione 2014-2020;
- 40 milioni di euro dalle disponibilità del Ministero dell’Ambiente;
- 110 milioni di euro dal Fondo Sviluppo e Coesione 2007-2013;
- oltre 50 milioni di euro dello stato di previsione del Ministero dell’Ambiente per l’esercizio 2015.

Per quanto riguarda la Regione Lombardia le opere finanziate sono:
- area di laminazione del torrente Seveso – Lentate sul Seveso (per un spesa prevista di 12,8 milioni, interamente finanziata dallo Stato);
- area di laminazione del torrente Seveso – Comune di Varedo (per un spesa prevista di 20,1 milioni, interamente finanziata dallo Stato);
- area di laminazione del torrente Seveso – Paderno Dugnano (per un spesa prevista di 30 milioni, interamente finanziata dallo Stato);
- area di laminazione del torrente Seveso – Milano (per un spesa prevista di 12,8 milioni, interamente finanziata dallo Stato);
- vasca di laminazione del fiume Seveso (per un importo globale di 30 milioni di euro);
- adeguamento aree golenali torrente Seveso (per una spesa pari a 6,5 milioni di euro, interamente finanziata dallo Stato);
- consolidamento del cavo Redefossi – Lotto 2 (per un investimento da 7,2 milioni di euro, interamente finanziato dallo Stato);
- interventi di sistemazione del fiume Lambro (con un investimento da oltre 6,4 milioni, di cui circa 3,2 milioni a valere su risorse nazionali).

A seguito di queste notizie, attendiamo quale sia la presa di posizione del Comune di Paderno Dugnano di fronte a questi finanziamenti statali e sapere se comprendono gli aspetti migliorativi del progetto,come richiesto dal Consiglio Comunale.

 

Lascia un Commento

(*) Obbligatorio, il tuo indirizzo Email non viene mostrato

Immagine CAPTCHA
*